informarmy.net
IL CAFFE': UN MITO DA SFATARE
Stampa / Print
l caffè tanto osannato come stimolante per via della caffeina, alla lunga invece di stimolare provoca affaticamento stressando le ghiandole surrenali. il caffè contiene anche metilxantine e acido benzoico che danneggia il collagene della pelle e provoca invecchiamento.
Bere sempre il caffè è un vizio che da dipendenza.
Milioni di persone in tutto il Mondo bevono caffè. Sorvolando sullo sfruttamento del personale dei paesi poveri addetti alla produzione e lavorazione, cerchiamo di sfatare il mito secondo cui il caffè ci tira su e ci permette di affrontare le situazioni difficili al meglio. E’ assolutamente falso, sopratutto per chi ne beve parecchi, in particolare per le gli uomini, più sensibili all’ effetto e con maggiori difficoltà a metabolizzare ed eliminare le sostanze tossiche che contiene, pure quello decaffeinato.
Non date retta alle solite pubblicità ingannevoli e menzognere, che mostrandoci attori famosi che si scolano una tazza di caffè come se fosse l’ elisir della lunga vita. Semmai è proprio il contrario, più ne bevi e più ti butta giù !
La caffeina
il caffè contiene la caffeina, come molte bibite a base di cola, red bull e affini. La caffeina agisce in modo negativo non solo sul sistema nervoso e sul cuore, ma anche sui muscoli e sugli enzimi digestivi. Basta una sola tazza per alzare la pressione sanguina. Se ne assumete troppa caffeina, i caffè provo sintomi come insonnia irrequietudine ansia e pure palpitazioni.
Sindrome da astinenza per una sostanza non sana
Chi lo beve quotidianamente e smette proverà veri e propri sintomi da astinenza. Affaticamento, irritabilità, cefalee, ansia e perfino nausea. Nessuna sostanza “sana” provoca tali crisi.
Gli effetti paradossali del caffè
il caffè pur essendo uno stimolate, provoca affaticamento. Il perché è presto spiegato: le ghiandole surrenali, adibite alla produzione degli ormoni dello stress, sono sottoposte a iperlavoro. Ciò da una momentanea carica, ma alla lunga rallentano la propria attività. Le conseguenze di questo rallentamento possono essere anche molto gravi per la nostra qualità di vita: aumento del peso, rallentamento delle funzioni intellettuali con calo della memoria. Si assisterà ad un progressivo decadimento di tutti gli organi e tessuti. Un effetto comune a tutte le sostanze tossiche!
Caffè e acido benzoico
Tutti i caffè compreso quello senza caffeina contengono acido benzoico. l’ acido benzoico è una sostanza tossica che per essere neutralizzata utilizza la glicina. La glicina costruisce e ripara il collagene, fondamentale per l’ elasticità e l’ integrtica della pelle. La proporzione è diretta: + caffè + righe + invecchiamento
Caffè metilxantine e cancro
Innanzitutto una precisazione: tutti gli alimenti cotti con alte temperature o troppo in fretta, producono al loro interno sostanze cancerogene. Il caffè non fa certo eccezione. Nel caffè sono presenti metilxantine, che devono essere metabolizzate dal fegato. Queste richiedono l’ impegno di notevoli risorse in termini di tempo ( ci vogliono svariati giorni per eliminarle) e risorse ( vitamine ed antiossidanti)
Il caffè è antagonista di vitamine e minerali
Smaltire i caffè richiede l’ impegno di notevoli riserve. A peggiorare il quadro c’è la sua capacità di limitare le nostre capacità di assorbimento di sostanze indispensabili all’ organismo. Un paio di esempi? minerali indispensabili come il ferro e lo zinco, vengono assorbiti al 50% in meno.
Conclusioni
Se vi piace il caffè. bevetelo pure. L’ importante è che lo degustiate perché vi piace , non certo perché faccia bene alla salute ! Se poi riuscite a sostituirlo con qualcosa di più sano, molto meglio ancora !

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.