informarmy.net
GIAPPONE SEMPRE PIU' RADIOATTIVO E MORTALE, NOTIZIE IN MERITO SEMPREPIU' SILENZIOSE…
Stampa / Print

Tokyo – Scienziati, ambientalisti e gruppi di cittadini, hanno richiesto alle autorita’ giapponesi di evacuare piu’ aeree in merito al terremoto del marzo scorso e relativo incidente nucleare, dopo che hanno trovato ben piu’ ampia contaminazione radioattiva di quanto ufficialmente riportato.

Dei ricercatori hanno trovato fino a 6.15 milioni di becquerels per metroquadrato di terreno nella citta’ di Fukushima , a 60 km nord-ovest dell’impianto nucleare che sta rilasciando materiale radioattivo nell’ambiente da quando ha subito il danno nel terremoto e tzunami della primavera scorsa.

Le misure sono 4 volte maggiori dei livelli usati per dichiarate e rendere obbligatoria la evacuazionerydelle aree intorno a Chernobyl, in Ukraina, dopo l’incidentr nicleare del 1986: cosi ha detto il ramo giapponese dell’organizzazione ambientalista Friends of the Earth (Amici della Terra).

“Il governo dovrebbe incoraggiare donne incinta e bambini ad evacuare le aree le aree colpite”, ha detto giovedi Kanna Mitsuta, un ricercatore di Friends of the Earth che ha partecipato nella raccolta dati.

Egli ha anche detto che anche i residenti nel distretto della citta’ di Watar hanno visto come i loro contatori geiger andassero oltre la scala di riferimento, che va fino a 10 microsieverts/ora.

Giusto per un raffronto: mercoledi solo a 7 km dallla centrale nucleare e dentro i 20 km della zona di esclusione intorno alla stazione nucleare, sono stati rilevati livelli di radiazine di 14.24 microsieverts/h

I Becquerels misurano le unita’ di radiazione emesse da una sostanza. I. Sieverts misurano l’impatto potenziale della radiazione su un organismo esposto.

La ricerca, che ha esaminato campioni di suolo raccolti il 14 settembre da 5 localita’ a Fukushima, è stata condotta da Tomoya Yamauchi, professore ed esperto di radiazioni alla Kobe University.
Yamauchi si è unito a Friends of the Earth Japan e ad altri gruppi civici per fare pressione e richiedere una evacuazione di almeno coloro che sono piu’ vulnerabili alla esposizione radioattiva.

Ma i governi centrali e locali non l’hanno decisa, portando gli attivisti locali e gli ambientalisti ad accusarli di non mettere al primo posto la salute degi residenti. I critici hanno invece accusato le autorita’ di essere piu’ preoccupati della economia locale, che potrebbe soffrire se l’evacuazione scatenasse un maggioer fuggi fuggi della popolazione.
Decine di migliai di residenti hanno gia’ volontariamente lasciato la prefettura intorno all’impianto nucleare di Daiichi a Fukushima.

Yamauchi ha detto che la contaminazione dell’area è cosi grave che le autorita’ devono rimuovere non solo il terreno di superficie, ma anche le superfici delle strade, dei tetti e le pareti di cemento armato.

Mitsuta ha espresso preoccupazione sul fatto che la pulizia ufficiale sia superficiale ed i suoi effetti solo temporanei.

I livelli di radiazione scendono in fretta dopo il lavoro di decontaminazione, ma ogni volta che piove il terreno contaminato fkuisce nell’aerea delle foreste che circondano le montagne ed i livelli risalgono , ha detto. Gli esperti hanno detto che i boschi che coprono il 71percento della prefettura di Fukushima, sono stati altamente contaminati.

M

fonte: http://www.monstersandcritics.com/news/asiapacific/news/article_1670038.php/Critics-urge-Japan-to-widen-nuclear-evacuation-zone
sintesi e traduzione, Cristina Bassi, www.cafedehumanite.blogspot.com

ZEOLITE DI ALTA QUALITA’ SUPERFINA E MICRONIZZATA
elevata capacità di scambio cationico. Non è tossica, è senza fibre, utile all’organismo per liberarlo da sostanze nocive e radioattive derivanti dall’ambiente, dalla alimentazione, dai medicamenti.

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.