ricette
Chiacchiere o Rosoni o Frappe o Fiocchetti o Bugie

Stampa / Print

Ingredienti:

  • 300 gr di farina
  • 40 gr di burro
  • 30 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio abbondante di marsala
  • buccia di un limone grattuggiata
  • 1 bustina di vanillina

Preparazione:Ammorbidire il burro a temperatura ambiente, setacciare la farina e
metterla in un recipiente con uova, zucchero, marsala, buccia del
limone e la vanillina.Lavorare gli ingredienti ed e aggiungere il burro. L’impasto dovrà
rimanere morbido ma elastico. Stendere la pasta e tagliarla a strisce
e friggerla in abbondate olio di semi.Una volta dorate, toglierle dall’olio riponendole su carta assorbente.Lasciatele raffreddare e poi spolverizzare di zucchero a velo.Una variante puo’ essere quella di immergerle nell’alchermes e poi
nello zucchero semolato.

Le chiacchiere sono conosciute con nomi differenti nelle diverse regioni italiane:

  • bugie (Genova, Torino, Asti, Imperia), italianizzazione del ligure böxie
  • cenci o crogetti (Toscana)
  • chiacchiere (Basilicata, Sicilia, Campania, Lazio, Umbria, Puglia, Calabria, a Milano, Sassari e Parma)
  • cioffe (Sulmona, centro Abruzzo)
  • cróstoli o cróstołi (Ferrara, Rovigo, Vicenza, Treviso, Trentino, Friuli, Venezia Giulia)
  • cunchiell’ o qunchiell (Molise)
  • fiocchetti (Montefeltro e Rimini)
  • frappe (Roma e Ancona)
  • gałàni o sosole (Venezia, Verona, Padova)
  • gale o gali (Vercelli e Bassa Vercellese)
  • guanti (Caserta)
  • gròstołi o grostoli (Trento)
  • intrigoni (Reggio Emilia)
  • crostoli o grustal (Ferrara)
  • maraviglias (Sardegna)
  • rosoni o sfrappole (Modena, Bologna, Romagna)
  • sfrappe (Marche)
  • sprelle (Piacenza)
  • risòle (Cuneo e sud del Piemonte)
  • e ancora stracci, lasagne, lattughe, pampuglie, manzole, garrulitas.

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.