informarmy.net
CACCIATORI O IDIOTI?
Stampa / Print
Riapre la caccia, rispuntano i richiami illeciti.
Tre sequestri delle Guardie per l’Ambiente.
Neppure il tempo di inaugurare la stagione venatoria che immediatamente spuntano i richiami illeciti sonori utilizzati dai bracconieri per attirare le prede più facilmente.
Sono 3 quelli rinvenuti nell’ultimo fine settimana dalle “Guardie per l’Ambiente” di Corato in seguito a un’apposita attività di monitoraggio.
Le tre “macchinette infernali”, utilizzate nella fattispecie per attirare illegalmente le quaglie, sono state ritrovate nella contrada coratina “Posta del Canale” e nelle zone “Murge di Toro” e “Viale delle Volpi”, in agro di Andria. In particolare, uno dei richiami era stato letteralmente imbracato a un albero con un arco di acciaio temperato, quasi fosse una cassaforte. Per scardinarlo, le guardie hanno dovuto prima segare l’acciaio e poi disinnescare il richiamo.
Una volta smontati, i tre marchingegni sono stati tutti sequestrati, il sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Trani, dottoressa Carmela Bruna Manganelli, ne ha già disposto la confisca e l’immediata distruzione.
Il fine settimana amaro per l’ambiente del territorio non è terminato con il ritrovamento dei richiami da caccia illeciti. Nel corso della loro attività di prevenzione, le “Guardie per l’Ambiente” hanno infatti rinvenuto anche le carcasse di 3 auto.Due delle tre vetture sono risultate rubate ad Andria e a Bisceglie alla fine di aprile, mentre la terza era del tutto irriconoscibile. Dopo le auto, le guardie si sono imbattute anche in una piccola discarica a cielo aperto in cui è stata riscontrata la presenza di numerose “onduline”, realizzate in cemento pressato e guarnite con amianto e filamenti ferrosi. Nella zona c’erano anche diversi residui di un incendio di pneumatici. Il sito è stato segnalato alle autorità competenti, con annessa richiesta di bonifica.
“Purtroppo, con eccessiva frequenza, ci troviamo di fronte a episodi di aggressione agli animali e all’ambiente”, spiega Pasquale Laterza, responsabile delle “Guardie per l’Ambiente”.. “Si tratta di fenomeni che si manifestano come una vera e propria emorragia di illegalità e che meriterebbero più attenzione da parte di tutti, a partire dalla pubblica amministrazione”, conclude.
La Murgia, quindi, si conferma “terra di nessuno”, insomma luogo ideale per i malintenzionati che hanno qualcosa da nascondere.
fonte: Giuseppe Cantatore – La Gazzetta del Mezzogiorno 29/09/11

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.