Stampa / Print

Alcune persone m’hanno chiesto se l’additivo al limone potrebbe in qualche modo diminuire l’efficacia del detersivo per bucato, ecc, ecco tempo fa ho risposto ad una persona (però era la risposta ad un commento quindi ovviamente capisco che non tutti abbiano letto quello che ho scritto), dunque ho scritto che sarebbe meglio usare prima l’additivo e poi il detersivo, quindi separatamente (magari in una bacinella con acqua calda) oppure in lavatrice sempre con acqua calda. Però sapendo che non tutti hanno tutto questo tempo disponibile ho affermato che nonostante un po’ magari possa influenzare non è che qua stiamo usando acido nitrico, è succo di limone e anche tanto diluito quindi l’interferenza con il detersivo è minima quindi la roba esce pulita, e voi potete fare la prova a casa vostra, qui mica stiamo parlando di sperimenti di chimica fisica, quindi preparate il detersivo fai da te, usatelo e poi osservate se va bene tanto di guadagnato.

Quanto all’aceto molti mi chiedono se va bene oppure no (anche se avendo messo vuol dire che secondo me la risposta è positiva, comunque devo dire che la domanda è intelligente) quindi c’è chi dice che l’aceto mangia i tubi della lavatrice, i metalli della lavatrice, la plastica della lavatrice o la lavatrice stessa, comunque anche qui non parliamo di acido nitrico ma di aceto e oltretutto diluitissimo… comunque m’hanno chiesto dell’acido citrico, io non lo compro, mai comprato, non lo conosco proprio comunque sempre acido è, e come l’aceto sempre debole è, e facendo un paragone tra PH dell’aceto/acido acetico (2,87) e PH acido citrico (2,04) (usando la stessa concentrazione dei 2 acidi ovviamente) non è che c’è chissà che differenza tra i due. E poi ricordiamo che il PH è tanto più basso o alto secondo la quantità di acqua che usiamo e la concentrazione dell’acido nell’aceto siamo al 3%, l’acido citrico tra 10a 20% (ovviamente dipende dalla marca), e quindi il PH di 1 cucchiaio di aceto in 1 bicchierino d’acqua è minore (più acido) della stessa quantità di aceto in un bicchiere d’acqua.

Comunque se uno volesse usare 1 litro d’aceto per ogni ciclo di lavaggio direi che a questo punto ci ripenserei….

Comunque morale della favola: io personalmente continuo a usare l’aceto perché lo faccio da una vita, la lavatrice è sempre la stessa ed è viva, l’aceto costa di meno e lo trovo sotto casa, però voi che dovete fare? Quello che vi pare, io mica vengo a casa vostra a fare un controllo 🙂 qui volesse usare l’aceto bene, acido citrico bene, altra roba bene…. siete voi che dovete decidere cosa usare e dove usare .Comunque ho avuto la curiosità di “curiosare” e ho visto che alcune persone erano in mezzo ad un dilemma: ho dio non lo so avete fatto, ma non so se provare la ricetta di vivereverde, di giuseppe, marcello o cancello, ma io ripeto: mica stiamo parlando di fisica quantica noi (almeno io), dunque preparate la miscela, e osservate se va bene oppure no…è semplice mica esplode niente, a posta cerco di fare la cosa il più semplice possibile quindi non cerchiamo di complicare.

Alcuni appassionati di chimica amatoriale a volte mi chiedono delle cose improbabili: PH, concentrazione molare, temperatura di ebollizione, se la roba è sequestrante e via dicendo, comunque cerchiamo di non complicarci la vita soprattutto la mia, sono disponibile per rispondere ogni vostro dubbio perchè magari una cosa che per me è chiara, magari per voi non lo è ed è normale, ma non domande di chimica amatoriale o no amatoriale soprattutto perché ho specificato che lo scopo del blog è quello di mettere parecchia roba facile da capire e preparare, e senza chissà che calcolo strano quindi non complicate il 2+2, a chi piace la chimica consiglierei piuttosto di iscriversi al corso di chimica per studiare parecchia matematica, li si uno saprà davvero se la ama o se la odia…

a presto 🙂


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.