Il Pensiero Collettivo

Stampa / Print

Viator

Quando la tragedia ebbe fine, sulla porta del blocco 4 del campo di Auschwitz fu effigiato il motto: Colui che non ha memoria della Storia è destinato a riviverla. Tale pensiero – coniato molti anni fa dal filosofo George Santayana – sintetizza una tra le più efficaci strategie di lotta anti-sistemiche.
Rapportandolo estensivamente al nostro attuale disgraziato impianto sociale, potremmo integrarlo aggiungendo che uno dei principali accorgimenti da seguire per contrastare l’avanzata della dittatura globale sia iniziare a ragionare ed agire in modo del tutto opposto rispetto al passato. In ogni ambito, sfruttare la memoria dei nostri vecchi comportamenti per fare ciò che il sistema non è più preparato a gestire.

E’ stata infatti proprio la somma dei nostri pensieri e comportamenti, unita a quella dei nostri genitori e dei nostri nonni, moltiplicata per miliardi di nostri consimili – che ha consentito al sistema di nascere, crescere e prosperare sino a diventare una concreta minaccia per la libertà e la salute della collettività.

Tra gli atteggiamenti di cui sopra ce n’è uno che merita particolare attenzione; quello del pensiero collettivo. La tendenza da parte delle masse a delegare a pochi individui la gestione e organizzazione delle loro esistenze e del loro futuro. Oggi tutto ciò avviene in qualsiasi campo: politica, istruzione, spiritualità, lavoro, informazione …
Tale scarico di responsabilità – in apparenza comodo e conveniente – ha consentito ai detentori del potere economico di prendere facilmente il controllo di ognuno dei campi sopra citati e rivoltarli contro la collettività.
Forse è giunto il momento di passare oltre, spezzare i vecchi schemi e assumerci le nostre responsabilità. Smettere di delegare ad altri il compito di pensare, contrattare, governare, vigilare, dissentire al posto nostro, e tornare a interessarci anche di ciò che non ci tocca da vicino.

Tornare a partecipare attivamente ai problemi del nostro prossimo, così che nessuno debba sentirsi piccolo e isolato di fronte ai tromboni del Grande Fratello. Proprio come sta meravigliosamente accadendo in questi giorni, con manifestazioni di solidarietà ai valsusini tenutesi in molte città dello Stivale.

Tornare ad essere centri di interessi eterogenei piuttosto che aderire alle poche etichette con cui il sistema per sua comodità gradisce catalogarci. Diventare leader di noi stessi, diffidando da chi vorrebbe affibbiarci nuovi marchi, nuovi assiomi, nuove verità assolute, nuove distrazioni, nuovi salvatori della patria, nuovi capri espiatori disposti ad accollarsi la responsabilità di un mondo sull’orlo dell’abisso.

Vi sembra terribilmente faticoso e responsabilizzante? Lo è. Ma delle due una: o ci si rimbocca le maniche o si fa la fine dei polli da batteria.

A tal riguardo, consiglio la visione del seguente breve estratto dal documentario Esoteric Agenda, di Ben Stewart (vedi post correlati), in cui l’autore esprime la propria opinione in merito al pensiero collettivo e alla connessa falsa ribellione.
Buona visione.

Post correlati: Esoteric Agenda – B. Stewart
Post correlati: Le Manifestazioni di Piazza
Post correlati: Tag Omologazione

Come Abbattere un Regime

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *