AMERICA: THE DAY AFTER!

Stampa / Print

Comunque la si voglia chiamare, stagnazione, recessione o depressione quello che sta avvenendo in America è un’autentica depressione umana, una dinamica mai sperimentata nella storia degli Stati Uniti d’America superiore per intensità anche alla Grande Depressione del ’29 dove le interminabili colonne di esseri umani in fila per un pezzo di pane oggi sono sostituite da oltre 43 milioni di food stamps, buoni pasto recapitati direttamente sul conto corrente.

L’ultimo rapporto sull’occupazione americana non lascia un solo spiraglio di speranza ad una dinamica ormai strutturale.

Gli ottimisti di maniera sono stati spazzati via dalla terribile realtà americana, una realtà che con pazienza noi di Icebergfinanza condividiamo ormai da mesi e anni.

Non ho intenzione di annoiarVi con un oceano di cifre e grafici ma alcune dinamiche vanno evidenziate.

Cala il tasso di partecipazione al lavoro, segno di sfiducia nell’economia americana e nonostante ciò aumenta il tasso di disoccupazione, un tasso che sale al 9,2 % ma che sarebbe ben più alto se i disoccupati scoraggiati tornassero alla ricerca di un lavoro.

Le revisioni dei mesi precedenti tornano negative cancellando ulteriori 44.000 posti di lavoro.

In due mesi l’economia americana ha creato ben 43.000 posti di lavoro il risultato del più imponente piano di spesa pubblica, incentivi fiscali e monetari della storia degli Stati Uniti!

Giù le ore settimanali lavorate, giù le ore di produzione media, giù i salari orari medi.

Nessun miglioramento nella forza lavoro part-time in un anno intero il che significa che prima di assumere nuova forza lavoro le imprese americane non hanno ancora incominciato ad allungare l’orario a coloro che già lavorano a tempo determinato.

Nei mesi principe dell’industria edilizia si perdono 9000 posti di lavoro e ben 15.000 nel settore finanziario con l’inevitabile emoraggia del settore pubblico che è solo all’inizio.

Le misure alternative relative alla disoccupazione che comprendono i lavoratori a part-time costretti dalle condizione economiche e coloro che gravitano marginalmente intorno al mondo del lavoro tornano a salire i maniera prepotente avvicinandosi ai livelli di circa un anno fa ovvero sino al 16,2 %.

14 milioni di disoccupati ufficiali oltre 20 milioni di disoccupati reali, oltre 43 milioni che vivono mediante i food stamps, oltre 8 milioni hanno perso la loro casa e almeno 12 sono a serio rischio di pignoramento o con il valore della casa ben sotto il mutuo residuo.

Certo il 90,8 % lavora ma almeno il 46 % degli americani non hanno votato nel 2010 e la disoccupazione è invisibile.

L’unico problema è il tetto del debito e abbassare le tasse ai ricchi!

Ecco perchè in fondo l’occupazione non è un problema in America, non sono certo le migliaia di piccole e medie imprese che finanziano le elezioni americane, ma le grandi banche e le grandi corporate americane.

Grande democrazia l’America, davvero!

Pubblicato da icebergfinanza | Commenti (3)
Tag: mercato del lavoro occupazione

Cita il post nel tuo blog Segnala il post Aggiungi su del.icio.us Aggiungi su digg.com Aggiungi su Google Aggiungi su Yahoo Aggiungi su Technorati Aggiungi su Badzu Aggiungi su Facebook Aggiungi su OKNOtizie Aggiungi su Twitter Aggiungi su Windows Live Aggiungi su MySpace Aggiungi su FriendFeed
Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *