The Guardian: i cambiamenti climatici provocheranno una catastrofe globale

Stampa / Print
8 Luglio 2011LONDRA – Questo è un articolo agghiacciante che è stato scritto circa 7 anni fa, nel 2004, alla luce dei recenti cambiamenti del pianeta lo riproponiamo. Ecco l’articolo apparso sul the Guardian: I cambiamenti climatici nei prossimi 20 anni potranno provocare una catastrofe globale che costera’ milioni di vite umane in guerre e disastri naturali. Un rapporto segreto, soppresso da capi della difesa degli Stati Uniti e ottenuto dal giornale , avverte che le principali città europee verranno affondate sotto i mari, la Gran Bretagna sara’immersa in un clima ‘siberiano’ entro il 2020.Conflitti nucleari, mega-siccità, carestia e rivolte diffuse esploderanno in tutto il mondo. Il documento prevedeva che il cambiamento climatico repentino avrebbe portato il pianeta sull’orlo dell’anarchia,ed i paesi a sviluppare una minaccia nucleare globale per difendersi dalla diminuzione di cibo acqua ed energia. ‘Turbative e conflitti saranno le caratteristiche endemiche della vita’, conclude l’analisi del Pentagono. I risultati di questo dossier si rivelarono umilianti per l’amministrazione Bush, che ha ripetutamente negato l’esistenza che il cambiamento climatico . Il rapporto fu commissionato dall’influente consigliere del Pentagono alla difesa Andrew Marshall, che ha influito notevolmente sulle strategie militari degli Stati Uniti negli ultimi tre decenni. I cambiamenti climatici ‘dovrebbero essere elevati oltre ad un dibattito scientifico ma a un problema di sicurezza nazionale degli Stati Uniti’, dicono gli autori, Peter Schwartz, consulente Cia ed ex capo della pianificazione a Reale Olandese / Shell Group, e Doug Randall del californiana Global Business Network . Un imminente scenario di cambiamenti catastrofici del clima è ‘plausibile e che sfida la sicurezza nazionale degli Stati Uniti ‘, concludono. Come già l’anno prossimo, allagamenti diffusi da un aumento del livello del mare provochera” sconvolgimenti importanti per milioni di persone. Già, secondo Randall e Schwartz, il pianeta e’ sovrapopolato. Entro il 2020 ‘catastrofico’ la carenza di approvvigionamento idrico ed energetico sarà sempre più difficile da superare, facendo precipitare il pianeta nella guerra. Essi avvertono che 8.200 anni fa le condizioni climatiche hanno portato a crisi alimentari, carestie, malattie e migrazioni di massa di popolazioni . Randall ha detto al giornale The Observer che il potenziale e rapido cambiamento climatico avrebbe creato il caos globale. ‘Questa è roba deprimente’, ha detto. ‘Si tratta di una minaccia alla sicurezza nazionale e non abbiamo alcun controllo su questa .’ Randall ha aggiunto che è già forse troppo tardi per evitare che il disastro accada. ‘Non sappiamo esattamente a che punto siamo in questo processo. Potrebbe iniziare anche domani –The Guardian UK , 22 febbraio 2004

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *