informarmy.net
Scie Chimiche: 50.000 Firme
Stampa / Print
Segnaliamo una nuova iniziativa finalizzata alla sensibilizzazione di opinione pubblica e istituzioni in merito ad un fenomeno che da anni suscita forti perplessità e preoccupazioni: quello delle scie chimiche.

Chi non abbia chiari i contorni del problema può trovare ulteriori informazioni nei post correlati.

L’obiettivo è raccogliere 50.000 sottoscrizioni della petizione che riportiamo in calce, da sottoporre alla attenzione dei ministeri della Salute, dell’Ambiente e della Difesa.
Testo della Petizione:
Premesso che la difesa della Patria è un sacro dovere del cittadino, come citato nell’articolo 52 della Costituzione Italiana, e:

– considerando che una scia di condensazione di un aereo può formarsi solo al di sopra degli 8000 metri di altitudine in particolari condizioni di temperatura atmosferica e valori di umidità
– considerando che sono numerose le testimonianze fotografiche e i video nel web che riprendono durante l’ultima decade aerei non identificati rilasciare lunghe scie nei cieli del territorio italiano anche al di sotto degli 8000 metri
– considerando che queste scie non si dissolvono in pochi minuti ma rimangono per ore nei cieli sopra i centri abitati durante il giorno e la notte
– considerando che sono state effettuate varie interrogazioni parlamentari sul tema dal 2003 al 2009
– considerando che negli ultimi anni alcune reti televisive nazionali ne hanno parlato

da quanto citato sopra, noi cittadini italiani, chiediamo:

– se il Governo Italiano è a conoscenza delle operazioni di aerosol comunemente chiamate scie chimiche
– se il Governo Italiano intenda assumere, per quanto di competenza, iniziative volte a determinare il rischio ambientale e per la salute della popolazione, dei territori soggetti a operazioni di aerosol.

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.