Stampa / Print
Come scrivevo nella puntata di ieri del Diario della crisi finanziaria, si era in attesa di notizie per capire il vero stato di salute dell’economia statunitense e un responso è arrivato dal Beige Book della Federal Reserve che ha stabilito, per la prima volta nel 2011, che quattro distretti dei dodici considerati sono andati indietro invece che progredire e si tratta di distretti di tutto rispetto quali quello di New York, di Filadelfia, di Chicago e Atlanta.

Sebbene gli altri distretti siano cresciuti, e in maniera vigorosa quello di Dallas, il giudizio della Fed è che da metà aprile l’economia statunitense è in una situazione di stallo, giudizio confermato dalle parole dello stesso Bernspan che vede la crescita come incostante e esasperatamente lenta, parole che non hanno fatto bene alle borse che continuano il trend negativo.

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.