Lo stress da traffico ha effetti maggiori sugli uomini. Basta girareper Roma per rendersene conto

Stampa / Print
Che il traffico abbia effetti negativi sul fisico e sulla psiche è noto da tempo. Basta girare in auto per Roma, per rendersene conto. Secondo un nuovo studio , lo stress da traffico aumenta l’aggressività maggiormente nei maschi . La ricerca, condotta da ICM Research, un istituto di ricerca britannico , ha valutato ben 9865 europei di entrambi i sessi tra i 18 e i 64 anni e ha scoperto che a soffrire in particolar modo dello stress causato dal traffico automobilistico sono gli uomini. Non si tratta solo di un generico aumento della tensione e dello stress, ma di un vero e proprio incremento dell’aggressività che a volte diventa incontrollabile e che può avere effetti davvero significativi sul benessere di chi trascorre tanto tempo chiuso in un’automobile.
David Moxon, autore dello studio, ha spiegato che questo ‘disturbo da traffico’ sembra colpire fino a sette volte di meno le donne, che sopportano meglio e con più pazienza il traffico.
L’aumento dell’ansia e dell’aggressività negli uomini ha pesanti ripercussioni sul sistema immunitario e sullo stato di salute: alla lunga provoca vertigini, dolori muscolari e addominali causati dalla tensione, difficoltà respiratorie e inoltre riduce la capacità di concentrazione quando si sta al volante. A lungo andare questo ‘stress da traffico’ potrebbe anche favorire ipertensione e aumento del tasso glicemico.
Gli esperti spiegano che per ridurre gli effetti negativi dello stress l’ideale sarebbe dotarsi di palliativi che possano rendere meno stressante l’attesa nel traffico, la musica, in tal senso, conferma il suo benefico ruolo: la maggior parte degli intervistati ha rivelato che con una buona musica si può abbattere il grado di stress. In particolare le canzoni piu’ citate sono : al primo posto, ‘I want to break free’ dei Queen, seguono gli Eagles con ‘Take it easy’, gli AC/DC con la hit ‘Highway to hell’ , i Beatles con ‘Drive my car’, chiude Willie Nelson con ‘On the road again’. Da parte mia , continuo a ritenere che la musica classia sia la migliore per rilassarsi, ma per un fatto culturale, pochi la ascoltano in auto.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *