Stampa / Print
Oggi la tecnologia si pone sempre piu’ al servizio della nostra categoria. Grazie alla telemedicina, ed a sofisticati software, si possono effettuare diagnosi a distanza, e salvare vite. E’ il caso della diagnosi di ictus mediante un’applicazione smartphone . Questa garantirebbe la stessa accuratezza garantita da una postazione computer molto avanzata. La tecnica è descritta sul  Journal of Medical Internet Research. (A Smartphone Client-Server Teleradiology System for Primary Diagnosis of Acute Stroke). Lo studio è stato progettato dal Dr. Mayank Goyal, utilizzando l’iPhone con una tecnologia originariamente sviluppata dal Dr. Ross Mitchell, PhD, e la sua squadra alla Hotchkiss Brain Institute (HBI).Si tratta in sintesi di un sistema di Teleradiologia basato su un’architettura client-server che permette il rapido accesso a visualizzazioni 2-D e 3-D di imaging diagnostico su smartphone (Apple iPhone o iPod Touch, Android) ma senza bisogno di spedire e scaricare pesanti file in locale. Oltre ad evitare il problema del download, questa app garantisce la privacy del paziente e la sicurezza dei dati, che rimangono sempre sul server dell’ospedale e non venendo scaricati non possono nemmeno essere diffusi.
I ricercatori canadesi dell’University of Calgary e dell’Hotchkiss Brain Institute (HBI) coordinati da Ross Mitchell – dopo averla messa a punto – hanno deciso di mettere alla prova la nuova applicazione su una patologia nella quale una diagnosi precisa e tempestiva effettuata mediante una procedura di Telemedicina può decidere tra la vita e la morte del paziente: l’ictus.
Presi in esame 120 scan cerebrali effettuati mediante tomografia computerizzata senza liquido di contrasto (NCCT) e 70 angiografie eseguite mediante tomografia computerizzata (CTA) dal Calgary Stroke Program database, i ricercatori hanno inviato i dati a due neuroradiologi, uno dotato di una workstation avanzata e uno di un semplice smartphone. Sensibilità, specificità e accuratezza diagnostica si sono rivelate pressoché sovrapponibili in entrambi gli operatori, e nessuna significativa differenza (P <0,05) nei tempi di diagnosi è stata registrata.
Spiega Ross Mitchell: “In una emergenza medica l’imaging gioca un ruolo critico nella diagnosi e nel trattamento. In particolare in caso di ictus il tempo è una variabile essenziale, letteralmente ogni minuto fa la differenza”.

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.