Stampa / Print

Si può disinfettare il bagno senza usare necessariamente dei prodotti a base di cloro. L’acqua ossigenata è una sostanza sbiancante e disinfettante e quindi può essere utilizzata per le pulizie dei sanitari.

Per una pulizia veloce potete versare un po’ d’acqua ossigenata su uno straccio e passarlo sulle superfici, oppure se volete pulire a fondo potete per primo lavare le superfici con detergente, risciacquare e per ultimo passare l’acqua ossigenata.

Per il WC: cospargere l’interno del WC con bicarbonato, aggiungere un po’ d’acqua ossigenata e strofinare con uno scoppino. Volendo si può aggiungere poco detergente leggero (che non sia al cloro o all’ammoniaca).

Vasca e box doccia: mettere in una spugna bicarbonato+acqua ossigenata, strofinare e risciacquare.

Il bicarbonato serve da anticalcare e aumenta il potere pulente dell’acqua ossigenata.

Detersivo disinfettante per pavimento: 3 litri d’acqua, 2 cucchiai di acqua ossigenata e 1 goccia di detersivo per piatti o 1 cucchiaino di detergente per pavimento.

Dovete acquistare l’acqua ossigenata a 30 o 40V (cremosa usata dai parrucchieri, in vendita nei negozi di cosmetici).

L’acqua ossigenata può essere usata per disinfettare anche il piano della cucina e altre superfici.

L’acqua ossigenata non intacca il marmo.

Il vantaggio di usare l’acqua ossigenata al posto della candeggina o prodotti con cloro è che non produce vapori tossici e non inquina, mentre la candeggina al cloro intossica se usata in modo frequente e inquina moltissimo.

Esiste anche un altro tipo di biodetersivo fai da te con acqua ossigenata molto semplice da preparare a casa e secondo una ricerca fatta negli Stati Uniti è stato osservato che ha un altissimo potere disinfettante, ecco la ricetta


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.