Stampa / Print
Liberaci dalla fendimetrazina, dalla fluoxetina, dalla metformina, dalle benzodiazepine, dalla tiroxina e da qualsiasi altro mix di farmaci prescritti -senza motivazione clinica- per dimagrire. Svincolaci dai ciclostili e dalle diete in fotocopia e da qualunque prescrizione priva di etica. Aizzaci contro i trenta grammi di pasta e i venti grammi di pane, i sessanta grammi di yogurt e qualsiasi altra porzione priva di praticità. Discostaci dalla monotonia di bistecca e insalata, dalle barrette, dalle polveri, dalle capsule, dalle soluzioni e da qualsiasi altra cosa commestibile, che non sia cibo. Distoglici dal nutrizionista che non si qualifichi e non sottoscriva la propria prescrizione. Allontanaci da colui che vende ciò che consiglia. Ragione, infine guida me stesso a non anteporre la nozione alla saggezza, la scienza all’arte e l’intelligenza al buonsenso, a non trattare le persone come casi e a non rendere la dieta più penosa dello stesso sovrappeso. (Liberamente e indegnamente ispirata alla Preghiera di Sir Robert Hutchinson)

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.