Stampa / Print
Tra i cinque sensi, l’olfatto è quello più strettamente connesso alla sfera delle emozioni: l’apparato olfattivo è infatti collegato con l’amigdala e l’ipotalamo, centri regolatori dell’emotività.

Ecco perchè ai profumi reagiamo con piacere o disgusto, attrazione o repulsione, senza i filtri della coscienza.

Gli odori influenzano le relazioni, ci attraggono verso una persona prima ancora della vista, danno o tolgono energia, ci stimolano in una direzione piuttosto che in un’altra.

Così come influenzano il nostro umore; i profumi possono svolgere un’azione terapeutica: per ritrovare il buonumore, utilizzate lavanda, gelsomino, ylang ylang, dalle proprietà antidepressive.

Per stimolare, eccitare, ritrovare tono ed energia usate la menta, il pino, la cannella.

Per rilassare e calmare sono perfetti la camomilla, la rosa, il neroli (l’olio essenziale di arancio amaro, dall’aroma gradevolissimo).

Articolo tratto da: Natù – Giugno 2010

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.