Stampa / Print
Non sempre lavarsi le mani puo’ rappresentare una buona norma, se si fa in luoghi pubblici. Se si usa un sapone contaminato, lavarsi le mani non diminuisce i batteri presenti ma anzi li aumenta di 26 volte. Questi i risultati di uno studio condotto da Carrie Zapka delle industrie di GOJO e,  Akron Ohio, il ricercatore principale dello studio che comprendeva anche gli scienziati BioScience Laboratories a Bozeman, nel Montana e l’Università di Arizona, Tucson. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista ‘Applied and Environmental Microbiology’, ed e’ stata condotta su una scuola elementare dove tutti e 14 i dispenser di sapone sono risultati contaminati da batteri. Misurando i livelli di contaminazione prima e dopo il lavaggio i ricercatori dell’Universita’ dell’Arizona hanno scoperto che il numero di batteri Gram negativi cresce di 26 volte. Dopo l’esperimento, scrivono gli esperti, tutti i contenitori sono stati sostituiti con altri in cui la ricarica veniva effettuata con delle cartucce sigillate, che non hanno dato problemi di contaminazione. Gli autori spiegano: “E’ la prima volta che si dimostra che lavarsi le mani puo’ addirittura aumentare la contaminazione. inoltre c’e’ una dimostrazione diretta che i batteri possono essere trasferiti a superfici secondarie. Il lavaggio delle mani con acqua e sapone è una pratica universalmente accettata per ridurre la trasmissione di microrganismi patogeni potenzialmente. Tuttavia, sapone liquido possono essere contaminate da batteri e rappresenta un rischio sanitario riconosciuta in ambito sanitario”.  

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.