LA GRAZIA DELLA VERITA' E LE PATATE AL FORNO

Stampa / Print
VALDO VACCARO HK LTD www.valdovaccaro.blogspot.com
www.drvaldovaccaro.com.hk
valdovaccaro@libero.it

FREE AND INDEPENDENT SCHOOL OF BEHAVIOURAL AND NUTRITIONAL SCIENCES
___________________________________________________________________________________
18 Maggio 2011

LA GRAZIA DELLA VERITA’
E LE PATATE AL FORNO

LETTERA

UN FORTUNATO LOTTATORE

Buongiorno, non sono italiana e scrivo male ma, al di là del mio italiano sbagliato, nutro una grande felicità, sapendo che esiste gente come lei al mondo!
Apprezzo moltissimo il suo lavoro, o meglio la sua missione.
Ho letto tante delle sue tesine e sento lo spirito con cui lei lotta per la verità delle cose. Sento amore per quello che lei sta facendo, per come sa essere se stesso in piena libertà, in una società così ostile.
Lei è semplicemente un fortunato lottatore, perché dalla sua parte si trova la Grazia della Verità.

SONO SANA E SVEGLIA, CON LA DEBOLEZZA DELLE PATATE AL FORNO

Pure io sono fortunata, nel mio piccolo. Fortunata di essere sana e di essere sveglia, anche grazie a lei.
Sono vegetariana da 20 anni, vegana da un anno e crudista da un paio di mesi.
Crudista totale, se non fosse per le patate al forno intere con la buccia, che mi piacciono tanto e sono un po’ la mia vera debolezza.

VIVERE NEL PRESENTE, SIA NEL CORPO CHE NELL’ANIMA

Le auguro un mare di bene. Non so cosa posso regalarle, ma vorrei tanto poter fare qualcosa.
Almeno un suggerimento. C’è un libro stupendo che parla in modo semplice e toccante, che invita a vivere nel presente, sia nel corpo che nell’anima, che invita a stare attenti al proprio pensiero senza lasciarlo sfuggire, o meglio a stare semplicemente senza pensieri.
Un libro che esalta la felicità di essere al mondo, e che invita la gente a non accontentarsi delle apparenze esteriori, ma a cercare il vero all’interno di se stessa.
Non un testo di filosofia, ma una scuola pratica del saper vivere in modo vivibile.
Si tratta de “Il Potere di adesso”, Armenia Editrice, scritto da Eckhart Tolle.
Grazie per il tempo rubato. Con affetto. Meda

*****
RISPOSTA

TU NON PRENDI MA REGALI

Ciao Meda, non è tempo rubato il tuo, ma semmai tempo regalato. Messaggi come il tuo fanno un gran bene. Non solo a me medesimo, ma anche ai tanti vegani che stanno facendo la loro lotta quotidiana all’interno della famiglia e della società. Mamme che vogliono dare il giusto cibo al loro bambino, mentre il marito carnivoro e cacciatore pretenderebbe di denunciarle per attentato alla salute del piccolo.
Veri e propri drammi familiari che non vorremmo mai veder succedere, ma che invece accadono.
Magari poi c’è qualcuno che dà la colpa a chi come noi fa il suo dovere, che è quello di dire come stanno veramente le cose, senza partigianeria, senza se e senza ma.

ASSOLTI I DISINFORMATORI

Assolti invece, per non aver commesso il fatto, lo stato, la scuola, la chiesa, i media, la televisione, che scaricano a getto continuo sulla gente disinformazione, disorientamento, falsità, ipocrisie, silenziamenti, collusioni ed omertà. Alla fine gli sbandati, gli estremisti, gli esagerati, i dissennati sembriamo proprio noi, colpevoli di dire che oltrepassando 24 grammi di proteine al giorno (raggiungibili con 2 piatti di insalata verde, 10 mandorle, un panino integrale, un bicchiere di succo d’arancia, una patata e una banana) si va già in area acidificazione del sangue, per cui si compie il peggior attentato alla propria salute, che è per l’appunto la modifica del proprio pH.

GRANA E PROSCIUTTO FANNO MALE, MA OCCORRE DIRLO SOTTOVOCE

Colpevoli di dire che grana e prosciutto fanno male non un poco, ma fanno male sul serio, al pari della bistecca, del pollo e del pesce. Colpevoli di avvertire il popolo consumatore che sale, zucchero, aspartame, caffè, the, bevande gassate, bevande alcoliche, dolcetti e salatini sono tutti veleni autentici.
Colpevoli di informare il mondo che nei macelli stanno succedendo delle cose orribili di cui tutti ci dobbiamo vergognare nel più profondo del corpo e dell’anima.

NON PRIVARTI MAI DELLE PATATE

Mi hai augurato un mare di bene, e non posso fare altro che ricambiare.
Per la tua pacifica ed innocente debolezza, che sarebbero le patate al forno, cotte con la buccia, non devi certamente farti un cruccio. Sono ottime e ti fanno pure bene, specie se le fai precedere da un bel piatto di radicchietto, rucola e ravanelli. Stare però sotto i 120°C per evitare l’acrilammide. Ricordarsi poi che le patate crude combattono la stitichezza, mentre quelle cotte ingrassano, come ben sanno nei porcili.

L’AMIDO RISCALDATO E PROTETTO HA UN FORTE VALORE VIBRAZIONALE

Succede addirittura, come per tutti i tuberi e per i cereali integrali (tenuti prima in ammollo per alcune ore e poi cotti al dente), che la cottura conservativa, limitata e non dispersiva, elevi paradossalmente la loro vitalità complessiva fino ai 7000 A. (patate bollite con la buccia), ai 9000 A. (patate al forno con la buccia) e ai 9000 Angstrom (cereali integrali). E’ ovvio che alcune vitamine anche qui si perdano e che alcuni minerali anche qui si disorganichino, ma pare che tutto questo venga compensato dalla grande forza vibrazionale e calorica dell’amido protetto e biodisponibile.

Valdo Vaccaro (AVA-Roma e ABIN-Bergamo)

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *