Uova e Dimagrimento

Stampa / Print
Le uova sono spesso vittime di pregiudizi, dicerie e delle vere e proprie leggende metropolitane nascono anche intorno agli alimenti, leggende che vanno sfatate soprattutto quando gli alimenti in questione non solo è preziosissimo per l’organismo umano, ma, è anche utile nel favorire il dimagrimento, come sono le uova.

Da una recente indagine è emerso che gli italiani, all’interno della Comunità Europea, sono il popolo che consuma meno uova, fenomeno legato secondo i nutrizionisti ai pregiudizi su quest’alimento, molto utile invece nel processo di dimagrimento.

Le uova contengono le proteine con la più alta qualità nutrizionale in assoluto, superiore a quella di carne, pesce e latte, importante per il dimagrimento, inoltre contiene molte altre sostanze preziose come: i fosfolipidi, vitamina A, D, E, PP, B1, B”, B12, minerali come ferro, fosforo e calcio.
Le uova forniscono solo 130 calorie per 100 gr ( 2 uova) e ciò le rende utilissime in un processo di dimagrimento, anche se nella vostra cena ipocalorica non dovranno mancare un contorno di verdure e dei carboidrati meglio se complessi.
Le uova sono spesso state demonizzate per il colesterolo, in merito a questo va chiarito che il tuorlo ne è ricchissimo, ma in una persona con colesterolemia normale non può assolutamente indurre un aumento di tali valori (se come con tutti gli alimenti, non si eccede).
Un adulto sano può consumarne fino a cinque uova a settimana, traendone solo giovamento, utile per il dimagrimento.

Le calorie delle uova non sono eccessive e quindi anche chi è obeso può mangiare una frittata di verdure con un solo cucchiaino di olio o sostituirlo con del latte.
Chi ha, invece, il colesterolo alto, ma cerca strategie divertenti per il dimagrimento , può mangiare magari due uova una delle quali senza il tuorlo, poiché l’albume è privo di colesterolo.

Si crede che le uova facciano male al fegato ma, questo prezioso organo non può far altro che trarre beneficio da esso. L’equivoco nasce dal fatto che l’uovo è in grado di far contrarre la cistifellea, in cui risiede la bile che sarebbe il materiale di scarto del fegato, il modo migliore per eliminarla è inviarla all’intestino, dove collabora alla digestione dei grassi e stimola le funzioni intestinali, quindi aiuta anche contro la stipsi.

Si invece ad evitare l’uovo solo in caso di calcoli biliari poiché questa sua proprietà può causare dolore e provocare la classica colica biliare, cercando strategie di dimagrimento in altro modo!

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *