La necessità della Rosa – Rosa "William Lobb"

Stampa / Print
Ha l’aspetto di un gentiluomo di campagna, ma è dedicata a un cacciatore di piante dell’era in cui i grandi vivai inviavano esperti all’avventura “nei luoghi più remoti del modo” (ce n’erano ancora) alla ricerca di nuove specie da commercializzare.

William e il fratello Thomas lavorarono per i Vivai Veitch di Exeter (Devon), il primo in America, il secondo in Asia, a metà ‘800. Sono innumerevoli le piante giunte in Europa grazie a loro (tant’è che si può anche perdonare a Will l’introduzione nei giardini di Araucaria araucana…).

Rosa "William Lobb"

Rosa “William Lobb” è una robusta muscosa, alta e larga più di due metri (nella fotografia ne vedete un esemplare ancora giovane). Unica fioritura, buon profumo (e dei fiori e della borraccina), una gamma di colori che tocca il ciliegia, il magenta, l’ametista, il prugna, il lilla, tutti i fuchsia, il fandango (sic!), l’orchidea, il melanzana, l’eliotropo, il malva e, talvolta, perfino il rosa, a seconda dell’età del fiore, dell’ora, della luce, della temperatura… Il tutto illuminato dal rovescio dei petali, più chiaro, tanto da apparire bianco sotto il sole.

Rosa "William Lobb"

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *