le caraffe filtranti acqua non utili e forse dannose

Stampa / Print
Un accessorio sempre piu’ frequente nelle cucine degli Italiani, ma forse inutile e pericoloso. Si tratta della caraffa filtrante l’acqua del rubinetto , che dovrebbe eliminare il calcare . Il dubbio nasce da un recente esposto in procura, depositato da Ettore Fortuna, presidente di Mineracqua, la federazione delle industrie delle acque minerali, che denuncia che l’acqua dopo essere stata filtrata diventerebbe non potabile, contaminata dalla presenza di corpi estranei e impoverita dei principi nutritivi.
L’accusa ha spinto il procuratore Raffaele Guariniello ad approfondire la questione e a dare mandato al professor Ivo Pavan, dell’Università di Torino, di indagare sulle caraffe filtranti. Il pm Raffaele Guariniello ha trasmesso i risultati fatti effettuare a febbraio, ed è emerso che nella maggior parte dei casi queste caraffe non sono dannose, ma sono certamente inutili. Anzi, la loro azione filtrante impoverisce l’acqua e ne peggiora la qualità e ciò può rappresentare un rischio per chi soffre di ipertensione, diabete o malattie cardiache. Innanzitutto, spiega la procura, dopo il trattamento calano notevolmente i livelli di calcio e magnesio a vantaggio di sodio e potassio (da qui il problema per chi soffre di alcuni disturbi). Inoltre l’acqua cambia il suo Ph, passando da 7,65 a 9,5 al massimo, laddove il valore a norma di legge è 6,5. Il procuratore ha scritto al Ministero della Salute e all’Istituto Superiore di Sanità per segnalare la questione e l’azienda tedesca che da quasi mezzo secolo produce queste caraffe e ne vende a milioni, risponde che la vendita è accompagnata dall’autorizzazione del Ministero della Salute tedesco e di quello austriaco . Pronta la replica di uno dei maggiori produttori di caraffe filtranti, “La Brita” azienda tedesca che da 45 anni ha venduto circa 300milioni di caraffe nel mondo, che così risponde alle prime accuse: “Abbiamo le certificazioni di due ministeri della salute (tedesco e austriaco). Non dichiariamo che l’acqua è pura, ma che è filtrata, perché trattiene alcune sostanze e ne rilascia altre consentite dalla legge sulle bevande. Sulle avvertenze scriviamo quale acqua usare, e di consultare il medico se si hanno problemi di salute”.
Attendiamo ulteriori sviluppi.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *