LA GRANDE RECESSIONE UMANA CONTINUA!

Stampa / Print
 

Comunque sia tutto va bene…Madama la Marchesa!

Il colosso tecnologico Cisco Systems licenzierà migliaia di dipendenti nei prossimi mesi, in quello che potrebbe essere il maggiore taglio al personale nella storia del gigante informatico. Un mossa che andrebbe incontro agli obiettivi dell’amministratore delegato John Chambers, tra cui abbattere i costi di 1 miliardo di dollari.  

Secondo gli analisti, il più maggiore produttore mondiale di apparati di networking licenzierà fino a 4.000 dipendenti, circa il 4 per cento dei 73.000 lavoratori a tempo indeterminato al momento sul libro paga della società. L’ultima volta che Cisco aveva raggiunto il record di licenziamenticon il taglio di 2.000 unità al personale, nel 2002, un momento storico in cui era scoppiato internet, e aveva messo la parola fine alle spese incondizionate in apparecchiature tecnologiche.  

Oggi però, la società non può dare la colpa a condizioni di mercato avverse per giustificare un taglio così elevato al personale. Lo scorso mese, lo stesso Chambers aveva fatto mea culpa per alcuni errori di gestione, affermando che era arrivato il momento di concentrarsi sugli affari e essere più disciplinati sull’espansione della società in nuove aree. L’a.d, a capo dell’azienda da 16 dei suoi 26 anni di storia, ha detto di voler tirare fuori la società dagli affari in cui Cisco non gioca il ruolo chiave. Prevedibilmente i licenziamenti riguarderanno proprio queste aeree dell’azienda.America24

Recentemente il padre di un mio cliente mi ha riferito che la ditta di suo figlio di cui è amministratore delegato è stata costretta a licenziare 2000 persone, nel settore farmaceutico. Allora ci siamo, se l'industria farmaceutica è in crisi allora siamo alla frutta. No nessuna frutta, solo il 30 % di utili! Non bastavano… agli azionisti era stata promessa…l'America!, mi chiedonRecentem 

Pubblicato da icebergfinanza | Commenti (3)
Tag: mercato del lavoro occupazione

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *