Terremoto in Spagna invece che a Roma, l'indottrinamento dei TG e gli interrogativi sul ruolo di HAARP

Stampa / Print
Finita ormai la giornata dell’11 maggio 2011 senza terremoti a Roma, i TG nazionali ne hanno approfittato per dare spazio alle menzognere dichiarazioni della sismologia ufficiale (marcia come quasi ogni altra scienza ufficiale) sull’impossibilità di prevedere i terremoti, come se il monitoraggio del radon e dei comportamenti anomali degli animali non fossero delle realtà assodate, come se Giuliani non avesse predetto niente, come se Bendandi non avesse azzeccato più volte le sue previsioni, come se le influenze gravitazionali tra pianeti non contassero niente.
Il negazionismo più spinto d’altronde è quanto ci si aspetta dalle TV di regime che ci ritroviamo, televisioni immonde che, solo per fare un esempio, cercano di non nominare i prossimi referendum per paura che venga raggiunto il quorum. 
Ovviamente non hanno mancato di mettere alla berlina chi prevedeva il terremoto a Roma, ma si sono dimenticati di chi sospettava che un terremoto (artificiale) potesse prodursi altrove.  
Il terremoto c’è stato infatti, non di settimo grado ma “solo” di grado 5,3, e con epicentro ad una profondità 10 km (come spesso avviene nel caso di terremoti artificiali). La regione colpita è una zona sismica, ma , come ci informa il corriere, sismi così forti non sono per niente usuali, tanto è vero che:

Fra gli abitanti di Lorca si è sparso il panico di nuove scosse distruttive che potrebbero verificarsi nella notte. Molta gente si prepara infatti a passare la notte fuori casa. Secondo i sismologi spagnoli, però, quello avvenuto è il terremoto più forte nella zona da «almeno 500 anni».”

Quindi alla fine l’evento c’è stato, anche se non così disastroso come si poteva temere, e anche se non a Roma. Difficile sapere se realmente Bendandi avesse previsto qualche terremoto in occasione dell’11 maggio del 2011, e difficile avere certezze che questo terremoto sia artificiale; fatto sta che ci sono state una decina di morti.
Il buco intorno alle ore 12 del 10 maggio 2011 è sparito!
Per quanto riguarda HAARP troviamo anche oggi una vera e propria stranezza: il  buco evidenziato ieri sera non c’è più, è stato tappato! Tutto ciò è alquanto sconcertante.
A questo punto sembra evidente che qualcuno manipoli quei grafici censurando e poi rimettendo dei valori nel grafico, e gli scopi non sono ancora del tutto chiari.
Si potrebbe pensare che in quei periodi usino al massimo la potenza di HAARP per dirigerla in una zona di instabilità tettonica e aumentare lo squilibrio che porta ad un terremoto, ma si potrebbe anche pensare che in qualche modo qualcuno stia operando per spostare l’attenzione sul sito HAARP quando la collaborazione per la realizzazione di un sisma artificiale è molto più vasta, e quando di installazioni simili ad HAARP ve ne sono in varie altre parti del mondo, e sono in possesso anche di paese avversari dichiarati degli USA. Ovviamente anche in questo caso i terremoti sarebbero artificiali, o quanto meno prevedibili (e previsti) da alcune persone che (con comportamento criminalmente omissivo)  non diffondono le proprie informazioni.
Come i video taroccati dell’11 settembre, i video e le foto taroccate di Osama Bin Laden, a volte sembra che qualcuno voglia lasciare le tracce di un complotto criminale, e che voglia che tali tracce portino solo a Washington invece che altrove (ovvero verso la cospirazione globale). Perché altrimente manomettere così male i video dell’11 settembre? 
Nell’epoca in cui la Pixar sforna elaborazioni digitali che emulano fin troppo bene la realtà, un simile errore su un progetto di grande impportanza per l’establishment, come quello dell’auto-attentato delle torri gemelle, sembra ben poco credibile.
Non sappiamo se qualcuno vuole in ogni caso far affondare gli USA e farli apparire prima o poi come il nuovo Hitler, oppure se tutto ciò rappresenti un “piano B” nel caso in cui troppe persone comprendano una parte della verità. Far scagliare gli oppositori del sistema su un capro espiatorio potrebbe essere un’astuta strategia di chi ci governa occultamente, ed una rivolta su scala internazionale contro gli USA (e i loro amici di Israele) potrebbero acuire una già fragile tensione se le rivolte in Nord Africa porteranno alla lunga all’instaurarsi di governi ostili allo stato di Israele.

Nel frattempo in USa si fanno piani per fronteggiare un eventuale sisma di enorme potenza:  Potrebbe succedere da noi un terremoto di grado 9? si legge sul sito della casa bianca, e non è l’unico segnale che che negli USA si stiano preparando ad affrontare un grosso terremoto. Ma di questo parleremo al più presto in un prossimo articolo.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *