Smettere di fumare aumenta anche i livelli di colesterolo HDL , ilcolesterolo "Buono"

Stampa / Print
Interessante ricerca condotta da un gruppo di ricercatori dell’Università del Wisconsin. Smettere di fumare aumenterebbe anche il livello di colesterolo HDL, il cosiddetto colesterolo “Buono” . Le lipoproteine HDL , non lasciano depositare il colesterolo nelle arterie ma lo trasportano verso il fegato, dove viene metabolizzato . Lo studio ha arruolato un migliaio di fumatori di entrambi i sessi che accendevano in media una ventina di sigarette al giorno. Dopo un periodo di osservazione di un anno e vari metodi utilizzati per smettere, il 36% del campione è riuscito a liberarsi dalla dipendenza, con un risultato inatteso: un miglioramento dei valori di colesterolo nel sangue. Nel corso del tempo, gli aumenti delle HDL si traducono in un minor rischio di malattie cardiovascolari . Gli studi hanno dimostrato che per ogni 1 mg / dl di aumento delle HDL si riduce il rischio di eventi cardiovascolari, del 2% al 3% più di 10 anni . I dati preliminari erano già stati presentati come abstract al convegno dell’American Hearth Association a Chicago.
http://circ.ahajournals.org/cgi/content/meeting_abstract/122/21_MeetingAbstracts/A8797
Nei soggetti in questione non si è riscontrata alcuna variazione del colesterolo “cattivo” (Ldl), mentre si è verificato un aumento del colesterolo “buono” (in media di 2,4 mg/dl) trasportato dalle particelle Hdl, quelle proteine-navicella che legano il colesterolo e lo trasportano dai tessuti periferici al fegato, evitando che si depositi in pericolose placche che ostruiscono le arterie. Adam D. Gepner, il coordinatore dello studio, sottolinea come i risultati non siano stati condizionati né dal metodo usato per smettere di fumare né dal numero di sigarette che si accendevano prima.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *