Finanza Globalizzata: il nuovo Grande Fratello

Stampa / Print


Mondo sempre più globalizzato ed interconnesso
con lo stretto controllo e l’arcigna supervisione
della FINANZA GLOBALIZZATA
che ormai è diventata
una sorta di Orwelliano GRANDE FRATELLO….

Negli ultimi anni con la globalizzazione dei mercati finanziari, l’apertura completa delle frontiere ai capitali e la coordinazione stretta di quasi tutti i governi tramite Unione Europea, G20, G8, Fondo Monetario, Banca Mondiale STA DIVENTANDO IMPOSSIBILE NON RIPAGARE I DEBITI ESTERI PER GLI STATI. Ancora dieci anni fa l’Argentina lo ha fatto, ma ogni anno che passa la morsa dei mercati finanziari globali e delle istituzioni economiche globali sta diventando sempre più stretta

……In teoria…UNO STATO SOVRANO PUO’ RIPUDIARE I DEBITI ESTERI O RIDURLI UNILATERALMENTE.
Ma ormai non è più vero, da un punto di vista finanziario ormai gli stati sono tutti incastrati tra loro tramite i mercati globali e le istituzioni economiche mondiali.
Se guardi a quello che è successo ai paesi Baltici, all’Irlanda, al Portogallo, alla Grecia ormai gli stati non hanno più sovranità.
Non controllano la moneta come una volta e anche se l’hanno sono ricattati dall’Unione Europea e dal “cartello delle banche centrali”.
Nell’ultima crisi la FED e la BCE hanno salvato con prestiti ponte di emergenza per migliaia di miliardi le istituzioni finanziarie di quasi tutti i paesi occidentali.
Se questi avessero tergiversato per più di due giorni durante la crisi di Lehman potevano essere tagliati fuori dalla liquidità delle tre grandi banche centrali e sarebbe stato il caos totale finanziario.
Ogni giorno OCSE, BCE, UE, Fondo Monetario fanno a turno a spingere gli stati perchè paghino, oggi dicevano all’Italia di privatizzare l’acqua

I paesi senza testate atomiche o grandi economie autosufficienti in occidente e in sudamerica e nelle parti dell’Asia deboli tipo Filippine oggi NON SONO PIU’ STATI SOVRANI in termini finanziari.
Non solo li costringono a pagare i debiti verso l’estero, ma addirittura è appena successo nel caso dell’Irlanda che la potenza della finanza internazionale è tale che il governo irlandese si è assunto tutti di debiti verso l’estero delle maggiori banche private irlandesi.
Cioè i debiti di queste banche verso l’estero, debiti di privati verso privati, sono diventati di colpo debito pubblico senza che la gente se ne accorgesse (adesso cominciano a svegliarsi un poco).

La Grecia, l’Irlanda, il Portogallo se non pagano vengono stritolate dai “Mercati Finanziari” e dalle istituzioni finanziarie internazionali.
Non siamo più nel 1700 quando il re non pagava e arrestava i banchieri, ora il mondo della finanza controlla di fatto i governi per cui questi spremono i cittadini e pagano….

Da “Gli Stati Sovrani possono non pagare i debiti Esteri?” di COBRAF
.


Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *