Preghiera di un biologo nutrizionista alla Ragion perduta

Stampa / Print
Liberaci dalla fendimetrazina, dalla fluoxetina, dalla metformina, dalle benzodiazepine, dalla tiroxina e da qualsiasi altro mix di farmaci prescritti -senza motivazione clinica- per dimagrire. Svincolaci dai ciclostili e dalle diete in fotocopia e da qualunque prescrizione priva di etica. Aizzaci contro i trenta grammi di pasta e i venti grammi di pane, i sessanta grammi di yogurt e qualsiasi altra porzione priva di praticità. Discostaci dalla monotonia di bistecca e insalata, dalle barrette, dalle polveri, dalle capsule, dalle soluzioni e da qualsiasi altra cosa commestibile, che non sia cibo. Distoglici dal nutrizionista che non si qualifichi e non sottoscriva la propria prescrizione. Allontanaci da colui che vende ciò che consiglia. Ragione, infine guida me stesso a non anteporre la nozione alla saggezza, la scienza all’arte e l’intelligenza al buonsenso, a non trattare le persone come casi e a non rendere la dieta più penosa dello stesso sovrappeso. (Liberamente e indegnamente ispirata alla Preghiera di Sir Robert Hutchinson)

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *