GLI ESORCISMI: DOCUMENTARI SUL RITUALE

Stampa / Print

Per esorcismo si intende un insieme di pratiche e riti volti a scacciare una presunta presenza demoniaca o malefica da una persona, un animale o da un luogo.

Queste pratiche sono molto antiche e fanno parte del credo di varie religioni.

Che un essere soprannaturale possa prendere possesso di un essere vivente o di un luogo è una credenza diffusa in molte religioni, in particolare presso i credi sciamanici.

La persona preposta agli esorcismi, chiamata esorcista, è spesso un sacerdote o comunque un individuo investito di particolari poteri.

L’esorcista può servirsi di materiale religioso, quali preghiere, formule prestabilite, gesti, simboli, icone, amuleti, e spesso invoca un potere soprannaturale benigno.

In generale, i posseduti non sono considerati cattivi né totalmente responsabili per le loro azioni.

GLI ESORCISMI

Il concetto di possessione malefica e la pratica dell’esorcismo sono molto antichi e diffusi.

In generale, i posseduti non sono considerati cattivi né totalmente responsabili per le loro azioni.

Il concetto di possessione malefica e la pratica dell’esorcismo sono molto antichi e diffusi.

Il Nuovo Testamento annovera tra i miracoli di Gesù Cristo la liberazione di alcuni indemoniati, come è citato nel brano di Matteo, che tratta della Trasfigurazione di Cristo.

Per questo motivo ed altre storie narrate nei vangeli, la possessione diabolica fece parte del credo del Cristianesimo fin dal suo inizio; l’esorcismo, come pia pratica di liberazione dal demonio è stata ed è ancora una pratica riconosciuta e promossa dalla Chiesa Cattolica, dalla Chiesa Ortodossa e da varie Chiese Protestanti

La pratica dell’esorcismo ha in tempi recenti perso rilevanza per molti gruppi religiosi e il suo uso è diminuito.

Questo è visto anche come il risultato di una maggiore comprensione della psicologia e del funzionamento e della struttura della mente umana; molti casi che nel passato sarebbero stati candidati all’esorcismo sono ora considerati conseguenze di malattie mentali e sono trattati come tali.

L’Illuminismo ha inoltre introdotto un cambiamento nella cultura occidentale, conferendo maggiore importanza al razionalismo, al materialismo e al naturalismo, riducendo l’importanza del soprannaturale.

Nell’ambito della Chiesa cattolica, l’esorcismo è attualmente un rito praticabile solo da sacerdoti che abbiano ottenuto il mandato dal loro vescovo.

Per la diocesi di Roma l’esorcista ufficiale è padre Gabriele Amorth.

L’ESORCISTA

RITUALI

COME AGISCE IL DEMONIO

MANIFESTAZIONE DEL DEMONIO

I MALEFICI

La possessione diabolica o demoniaca è il fenomeno per cui, in determinate culture e religioni, si ritiene che un organismo o uno spirito estraneo (definito come diavolo o demone nella maggior parte dei casi) possano prendere possesso del corpo di una persona vivente, legarsi alla sua anima e torturarla mentre è ancora in vita. La persona in questione viene definita indiavolata o indemoniata.

Il fenomeno della possessione affonda le sue radici nei testi sacri: nel Nuovo Testamento, ad esempio, vengono riportati degli episodi in cui Gesù Cristo affronta e libera alcuni indemoniati.

In tempi recenti, la fede nella possessione si è indebolita anche da parte degli stessi ambienti ecclesiastici, poiché è stato scoperto come molti presunti casi di “indemoniati” debbano in realtà essere messi in relazione con malattie mentali, come la schizofrenia ed alcune forme di psicosi, o con patologie quali la sindrome di Tourette. D’altra parte molte persone che richiedono aiuto agli esorcisti vengono da essi stessi riconosciute come bisognose non di cure spirituali ma psichiche (vedi il libro di Padre Gabriele Amorth Confessioni di un Esorcista).

La possessione viene debellata negli ambienti religiosi mediante la pratica dell’esorcismo.

ESORCISMI

“ E QUESTI SARANNO I SEGNI CHE ACCOMPAGNERANNO QUELLI CHE CREDONO: NEL MIO NOME
(CRISTO) SCACCERANNO I DEMONI, PARLERANNO LINGUE NUOVE, PRENDERANNO
IN MANO I SERPENTI E, SE BERRANNO QUALCHE VELENO, NON RECHERA’ LORO DANNO,
IMPORRANNO LE MANI AI MALATI E QUESTI GUARIRANNO ”.
(MARCO 16:17-18)

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *