Accusare l'Ebreo: il Mago Eliphas Levi, Gesuita Occulto

Stampa / Print
di Eric Jon Phelps
VaticanAssassin
19 novembre 2010
traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.com
Alphonse Louis Constant, alias Eliphas Levi, 1848
Ecco un altro esempio della Compagnia di Gesù che usa uno dei suoi Coadiutori Temporali Bianchi e Gentili mascherato da Ebreo. Lo scopo? Dare la colpa agli ebrei in generale per i reati spregevoli perpetrati dalla Compagnia di Gesù, come si sta facendo in questo momento in tutto l’Impero Americano. “Eliphas Levi” era il soprannome Alphonse Louis Constant (1810-1875), un Francese Gentile che, nel 1825, entrò in un seminario a Parigi, il Saint-Nicolas-du-Chardonnet, guidato dall’Abate Frere-Colonna, membro dell’immensamente potente Linea di Sangue della Famiglia Reale Romana Colonna e istruttore del giovane Alphonse nell’arte della Magia e della Kabbalah Ebraica! Per ulteriori elementi di prova che Constant/Levi è stato addestrato da parte delle istituzioni e degli istruttori dei Gesuiti, si veda questo link!
Monogramma Gesuita IHS: Seminario di Saint-Nicolas-du-Chardonnet, a Parigi
Il Coadiutore Temporale Gesuita “Eliphas Levi” divenne sacerdote ma venne “buttato fuori” per la sua incapacità a mantenere il suo “voto di castità”. Più prezioso come “Gesuita in Abito Corto“, Costant/Levi continuò a fornire alla Compagnia di Gesù una vita nel male maggiormente produttiva. Diventando il mago e occultista dell’Ordine più rinomato del XIX Secolo, Constant/Levi scrisse La Storia della Magia e fu ben noto al “Pontifex Maximus” della Gesuitica/Massoneria Illuminata del Rito Scozzese, Albert Pike. Infatti, sia Constant/Levi che Pike furono contemporanei ed entrambi collegati con l’Ordine Gesuita!
 
Il Gesuita Alphonse Louis Constant alias Eliphas Levi, 1860
Constant/Levi capì che c’era stata un’essenza immutabile nell’occulto, la Religione Misterica Babilonese di Satana (Apocalisse 17); Babilonia era divenuta la città di Roma, seduta sui sette colli sopra i quali regnavano i re della terra (17,18). Di questa essenza Constant/Levi scrisse nelle prime righe del suo Transcendental Magic: Its Doctrines and Ritual:
“Dietro il velo di tutte le allegorie ieratiche e mistiche delle dottrine antiche, dietro al buio e alle strane ordalie di tutte le iniziazioni, sotto il sigillo di tutte le sacre scritture, nelle rovine di Ninive o Tebe, sulle pietre cadenti degli antichi templi e sul volto annerito della sfinge assira o egiziana, nei mostruosi e meravigliosi dipinti che spiegano ai fedeli Indiani le pagine ispirate dei Veda, negli emblemi criptici dei nostri vecchi libri di alchimia, nelle cerimonie praticate all’accettazione da tutte le società segrete, si trovano le indicazioni di una dottrina che è la stessa ovunque e ovunque accuratamente nascosta.”
Di questa stessa dottrina universale, comune a tutte le società segrete di tutte le nazioni pagane nel corso dei secoli, concordava la malvagia teosofa Madame Blavatsky. Essa espresse questa convinzione in entrambi i suoi lavori considerati dei classici dagli occultisti, La Dottrina Segreta e Iside Svelata. Il Protestante inglese del XIX secolo Alexander Hislop, credente nella Bibbia, dichiarò lo stesso quando nel suo capolavoro epico The Two Babylons; Or The Papal Worship: Proved to be the Worship of Nimrod and His Wife (Le Due Babilonie, o il Culto Papale: La Dimostrazione che è il Culto di Nimrod e di sua moglie) (1916), disse a pagina 120:
“…il Messia Babilonese con la sua tragica morte, e il successivo ripristino di vita e gloria, ha costituito la pietra angolare del paganesimo antico.”
Baphomet, Capra di Mendes, simbolo del Messia babilonese dei Cavalieri Templari, 1800
E dov’è oggi la sede del paganesimo mondiale? Hislop, ancora una volta, alle pagine 2-3 ci dice:
“Si è sempre risaputo che il Papato fu paganesimo battezzato; ma Dio sta ora rendendo manifesto che il Paganesimo che ha battezzato Roma è, in tutti i suoi elementi essenziali, lo stesso Paganesimo che regnava nell’antica Babilonia letterale…in Roma si ha proprio la messa in atto della Babilonia dell’Apocalisse…il suo sacerdozio e i loro ordini sono stati tutti ottenuti dall’antica Babilonia; e, infine, lo stesso Papa è veramente e propriamente il diretto rappresentante di Baldassarre.”
Così, il Gesuita Alphonse Louis Constant, travestito da ebreo con nome “Eliphas Levi”, favorì l’antica religione misterica di Babilonia, la religione essenziale del Papato gesuita. (Sul suo letto di morte, spirò come Cattolico Romano, ricevendo “L’estrema unzione” da un sacerdote, molto probabilmente un sacerdote gesuita!). La fine di questo sistema pagano romano è il Papa finale di Roma, ucciso e rinato dalla morte per essere “Tammuz”, o “Horus”, o “Giove”, o “Mitra”, o semplicemente, l’Anticristo/Uomo Bestia dell’Apocalisse 13! L’Anticristo, un uomo dio (ucciso e risorto dai morti per essere posseduto da Satana come fu Horus risorto e posseduto da Set) sarà il “Desiderio di tutte le Età” dell’uomo pagano, il culmine del “Mistero dell’Iniquità” di Satana” (II Tessalonicesi 2:7).


link articolo originale
:
http://www.vaticanassassins.org/2010/11/blaming-the-jew-magician-eliphas-levi-occult-jesuit-alfonse-l-constant-1848/

leggi anche :
Tutte le strade portano a Babilonia

L’Investitura Satanico-Babilonese di Benedetto XVI

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *