L'UCCISIONE DI OSAMA BIN LADEN & LA VERITA' SULLA COSPIRAZIONE DEL 11 SETTEMBRE

Stampa / Print
Il leader di Al Qaeda, il ricercatissimo Bin Laden, sarebbe stato ucciso in Pakistan durante un raid di truppe USA.

Obama ha dato l’annuncio alla Nazione: “L’azione è durata mesi, oggi ho ordinato l’intervento in Pakistan quando ho deciso che avevamo sufficienti informazioni di intelligence.

IL MONDO ESULTA GRIDANDO: “Giustizia è fatta”.

MA LA VERITA’ SUL 11 SETTEMBRE E’ ANCORA UN TABU’.

ECCO ALCUNI DOCUMENTARI CHE CONFERMANO LA TEORIA DI COSPIRAZIONE DA PARTE DELLO STESSO GOVERNO STATUNITENSE.

MICHELE P.

11 SETTEMBRE – 9/11 LA COSPIRAZIONE OCCULTA

IL COMPLOTTO

Diverse teorie del complotto sono emerse dopo gli attacchi del 11 settembre, suggerendo che individui negli Stati Uniti fossero a conoscenza del pericolo e che decisero deliberatamente di non prevenirli, o che individui estranei ad al-Qaida abbiano pianificato o eseguito gli attacchi.

la causa della caduta delle torri sembrerebbe una demolizione controllata con esplosivi piazzati precedentemente.

PROBLEMA-REAZIONE-SOLUZIONE:

IL TUTTO E’ STATO CREATO PER OTTENERE UNA REAZIONE DI MASSA AL FINE DI OCCUPARE AFGHANISTAN E IRAQ PER UN INTERESSE NEL CAMPO PETROLIFERO/ECONOMICO E PER UN MAGGIORE CONTROLLO IMPERIALISTA GLOBALE.

PROBLEMA = DISASTRO 11 SETTEMBRE – CREAZIONE DI UN NEMICO
REAZIONE = OPINIONE PUBBLICA COLPITA E INDIGNATA
SOLUZIONE = INVASIONE AFGHANISTA E IRAQ PER “STANARE” IL NEMICO.

LA STORIA UFFICIALE

Gli attentati dell’11 settembre (a volte riferiti come 9/11 o 11/9) del 2001 sono stati una serie di attacchi suicidi da parte di terroristi di al-Qa’ida contro gli Stati Uniti d’America.

La mattina dell’11 settembre 2001, 19 affiliati all’organizzazione terroristica di matrice islamica al-Qa’ida dirottarono quattro voli civili commerciali.

I dirottatori fecero intenzionalmente schiantare due degli aerei sul World Trade Center di New York, causando poco dopo il collasso di entrambi grattacieli e grossi danni agli edifici vicini. I dirottatori fecero schiantare il terzo aereo di linea sul Pentagono. Il quarto aereo, diretto verso il Campidoglio di Washington, si schiantò in un campo vicino Shanksville, nella Contea di Somerset (Pennsylvania), dopo che i passeggeri e i membri dell’equipaggio ebbero tentato di riprendere il controllo dell’aereo.

Oltre ai dirottatori, furono 2974 le vittime immediate degli attacchi, mentre altre 24 furono quelle disperse. La gran parte delle vittime erano civili, appartenenti a 90 diverse nazionalità. Inoltre, la morte di almeno un’altra persona, per una malattia dei polmoni, è stata fatta risalire alla respirazione della polvere risultante dal collasso del World Trade Center, in quanto i soccorritori furono esposti a contaminanti in seguito al collasso degli edifici.

Gli attacchi ebbero grandi conseguenze a livello mondiale: gli Stati Uniti d’America risposero dichiarando la Guerra al terrorismo e lanciando una invasione nell’Afghanistan controllato dai Talebani, accusati di aver volontariamente ospitato i terroristi. Il parlamento statunitense fece passare lo USA PATRIOT Act mentre altre nazioni rafforzarono la loro legislazione anti-terroristica, incrementando i poteri di polizia.

Le borse rimasero chiuse per quasi una settimana, registrando enormi perdite subito dopo la riapertura, con quelle maggiori fatte registrare dalle compagnie aeree e di assicurazioni. L’economia della Lower Manhattan si fermò, come risultato della distruzione di uffici per miliardi di dollari.

Il Pentagono fu riparato in un anno, con un piccolo monumento costruito sul luogo. La ricostruzione del World Trade Center è stata maggiormente osteggiata, con controversie nate riguardo i possibili progetti e sui tempi di completamento.

La scelta della Freedom Tower per questo sito ha causato ampie critiche, obbligando all’abbandono di alcune parti del progetto.

IL NEMICO INVISIBILE CREATO DA LORO

L’origine di al-Qa’ida risale al 1979, anno dell’invasione sovietica dell’Afghanistan; poco dopo l’invasione, Osama bin Laden si recò in Afghanistan per collaborare con l’organizzazione dei mujaheddin arabi e alla formazione di Maktab al-Khidamat, una formazione il cui scopo era quello di raccogliere fondi e assoldare mujaheddin stranieri per resistere all’Unione Sovietica.

Nel 1989, con il ritiro delle forze sovietiche dal conflitto afghano, il Maktab al-Khidamat si trasformò in una “forza di intervento rapido” del jihad contro i governi del mondo islamico.

Sotto la guida di Ayman al-Zawahiri, bin Laden assunse posizioni più radicali.

Nel 1996, bin Laden promulgò la prima fatwa, con la quale intendeva allontanare i soldati statunitensi dall’Arabia Saudita.

In una seconda fatwa promulgata nel 1998, bin Laden avanzò obiezioni sulla politica estera statunitense nei riguardi di Israele, come pure sulla presenza di truppe statunitense in Arabia Saudita anche dopo la fine della guerra del Golfo.

Bin Laden ha citato testi dell’Islam per esortare ad azioni di forza contro soldati e civili statunitensi fin quando i problemi sollevati non saranno risolti, notando che «durante tutta la storia dei popoli islamici, gli ulema hanno unanimemente affermato che il jihad è un dovere individuale se il nemico devasta i paesi musulmani».

11 SETTEMBRE – LA VERITA’

11 SETTEMBRE – 9/11 LA COSPIRAZIONE OCCULTA

CREARE IL NEMICO INVISIBILE

P.N.A.C.

I PRECEDENTI STORICI

LA FALSA GUERRA IN IRAQ

OPERAZIONE NORTHWOODS

ACCUSE FALSE A BIN LADEN

L’INDUSTRIA MILITARE

LA GUERRA DEI PRIVATI

IL PETROLIO

LE FORZE OSCURE

11 SETTEMBRE DOVE E’ LA VERITA’ ?

Fonte

1 comment for “L'UCCISIONE DI OSAMA BIN LADEN & LA VERITA' SULLA COSPIRAZIONE DEL 11 SETTEMBRE

  1. Anonimo
    29 gennaio 2014 at 19:08

    La gente guarda solo ciò che ha fatto Osama Bin Laden di male. E ciò che ha fatto l'america??? Osama non è andato a distruggere due torri senza motivo. Lo ha fatto per i massacri subiti nel suo Paese dall'America!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *