Stampa / Print

Non sto a farla lunga: del bailout del Portogallo ne abbiamo già parlato in tutte le salse…
Vedi Etichetta Portogallo (36)

Rimangono solo alcune incognite
tra le quali le più impellenti sono:
1- Entità del salvataggio
2- Tassi d’interesse da pagare per il prestito (sulle spalle di pensionati, infanti e generazioni future di portoghesi…)

Ebbene a proposito dell’ENTITA’
si parla di 80-90 miliardi di euro (ipotesi).
Il PIL del Portogallo nel 2009 è stato di circa 161 miliardi di euro
Il salvataggio dunque corrisponderebbe al 50-60% del PIL nazionale!!!!!
Alla faccia che non avevano bisogno di aiuti!….
Se poi ci aggiungiamo la LEVA delle banche….:eek:
Insomma stesso schema di Grecia, Irlanda….e di mezzo mondo….

Ma vi rendete vagamente conto????!!!

E’ come se l’Italia chiedesse 700-800 miliardi di euro di aiuti (usando un altro “metro di paragone”, saremmo di fronte a 40/50 manovre finanziarie italiane annuali, parametrate alle “cifre” degli ultimi anni…).
o come se la Spagna chiedesse 500-600 miliardi di euro di aiuti…
o come se gli USA chiedessero 7.000-8.000 miliardi di dollari di aiuti (ma tanto loro hanno la $-stampante di Bernanke….a getto continuo ed infinito…)

Ma vi rendete vagamente conto????!!!
:eek:

Intanto la Spagna rincara la dose….

Portogallo: Salgado, Sara’ Ultimo Paese a Chiedere Aiuti

(AGI) Godollo – Il Portogallo sara’ l’ultimo paese europeo a richiedere un salvataggio internazionale. Lo sostiene il ministro dell’Economia spagnolo, Elena Salgado, aggiungendo che “e’ …

Secondo lo schema
No No No non abbiamo assoulutamente bisogno del Bailout / Sì Sì Si abbiamo veramente bisogno del Bailout….
che vi descrivevo ieri in Seguendo la Gipsi Way…adesso toccherebbe alla Spagna…
la situazione in “quel di Madrid” si sta facendo sempre più tesa…;-)

Sostieni l’informazione indipendente e di qualità


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.