Stampa / Print

HO VOLUTO RIPROPORRE QUESTA SPLENDIDA INTERVISTA FATTA DA PIF AGLI ADEPTI DEL MOVIMENTO RAELIANO E A RAEL STESSO, PER FARVI RIFLETTERE SULLE NUOVE CORRENTI PSEUDOSPIRITUALI E/O EXTRATERRESTRI CHE CIRCOLANO IN QUESTO PERIODO NEW AGE.

HO INOLTRE INSERITO UN DIBATTITO RELIGIOSO IN TV, TRAMUTATO IN RISSA VERBALE TRA UN RAELIANO, UN ISLAMICO E UN SACERDOTE CATTOLICO.

“Sorgeranno infatti falsi cristi e falsi profeti e faranno grandi portenti e miracoli, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti”.
(MATTEO 24:24)

MICHELE P.

Il Movimento Raeliano è un nuovo movimento religioso basato sulla credenza secondo cui alcuni extraterrestri scientificamente avanzati, chiamati Elohim, avrebbero creato la vita sulla Terra attraverso l’ingegneria genetica.

Il movimento crede inoltre che, grazie ad un’opportuna combinazione di clonazione e trasferimento della mente, sia possibile raggiungere l’immortalità.

I Raeliani promuovono il progresso scientifico, la libertà sessuale, la responsabilizzazione dell’individuo, la meditazione come strumento di risveglio spirituale e la distribuzione delle risorse planetarie, ritenendo che tutto questo porterà ad una nuova era di pace e benessere, la cosiddetta “Età dell’Oro” annunciata, a loro dire, dalle principali religioni.

Il Movimento Raeliano viene fondato da Claude Vorilhon, rinominatosi Rael nel 1973. Secondo il suo stesso racconto, Vorilhon sarebbe stato contattato da un rappresentante di una civiltà extraterrestre, gli Elohim, il 13 dicembre 1973, nel cratere di un vulcano spento vicino a Clermont-Ferrand, nella Francia centrale.

Seguendo quelle che lui afferma essere istruzioni rivelate ha fondato il Movimento Raeliano, che dichiara di possedere circa sessantamila membri sparsi in almeno ottantaquattro diverse nazioni.

Il numero maggiore di affiliati si riscontra in Francia, Giappone, Canada (specialmente Quebec) e Stati Uniti (specialmente Florida).

Il Movimento diffonde il suo messaggio attraverso i libri di Rael, le assemblee raeliane, e il suo sito Internet.

Rael ha fin dal principio affermato che gli Elohim (singolare Eloha) usano per comunicare tra di loro una lingua affine all’ebraico biblico, dunque appartenente al ceppo cananeo delle lingue semitiche.

I Raeliani credono che la vita sulla Terra abbia avuto origine per mezzo di una panspermia diretta ad opera di una civiltà extraterrestre.

Secondo la storia del Raelismo, una spiegazione sulle origini ed il futuro dell’umanità fu trasmessa a Rael da un extraterrestre di 25.000 anni di nome Yahweh Elohim, che venne sulla Terra all’interno di un tipico vascello spaziale ed atterrò in un vulcano della regione dell’Auvergne, in Francia, chiamato Puy de Lassolas.

Questi messaggi furono poi pubblicati da Rael nel libro “Il Messaggio degli Extraterrestri” (ora nella nuova versione dal titolo “Intelligent Design: Message from the Designers” 2006 ISBN 2940252203).

I Raeliani credono che il nome Elohim, presente nelle antiche versioni della Bibbia ebraica, si riferisca a “coloro che vennero dal cielo”, o più precisamente a degli extraterrestri umanoidi. Il Raelismo sposa la credenza che attraverso la padronanza dell’astronomia solare, dei processi di terraforming, della nanotecnologia e dell’ingegneria genetica, gli Elohim furono in grado di realizzare sul nostro pianeta un nuovo sistema ecologico, con degli organismi adattati alla composizione chimica e termale della Terra.

Nel messaggio che sarebbe stato trasmesso a Rael, si legge che gli Elohim contattarono circa 40 persone perché agissero come loro messaggeri sulla Terra, inclusi :

Mosè, Elia, Ezechiele, Mahavira, Buddha, Giovanni Battista, Gesù, Maometto, Joseph Smith e Bahá’u’lláh. I Raeliani credono che le seguenti religioni abbiano avuto origine dagli Elohim: Induismo – Ebraismo – Giainismo – Buddhismo – Taoismo – Cristianesimo – Islam – Mormonismo – Fede Bahá’í.

I Raeliani credono inoltre che gli Elohim torneranno ufficialmente sulla Terra quando la maggior parte della sua popolazione sarà pacifica e desiderosa d’incontrarli. Essi credono che questo sia predetto in tutti i testi religiosi – l’annunciata Era dell’Apocalisse o Rivelazione (la verità svelata).

Essi dicono che incontreremo questi esseri umani provenienti dal cielo in un’ambasciata che hanno chiesto a Rael di costruire loro, nella quale condivideranno le loro avanzate conoscenze scientifiche con noi, la loro creazione. Per questo motivo, uno dei loro obiettivi dichiarati è quello d’informare più persone possibili circa l’esistenza di questa civiltà extraterrestre.

I Raeliani promuovono idee sociali come la autodeterminazione sessuale, e uno spirito di responsabilità e condivisione che a loro dire, condurrà verso una nuova era di pace e benessere; affermano la necessità del progresso scientifico e della geniocrazia (una forma di governo nella quale il diritto di voto è riservato agli individui con un superiore Quoziente intellettivo “puro”, ovvero non condizionato da cultura o studi personali).

A dicembre 2002 fece il giro del mondo la notizia data a Hollywood che in un laboratorio di una società collegata al gruppo (la Clonaid) sarebbe andato a buon fine un esperimento di clonazione, con la nascita di una bambina a cui era stato dato il nome di Eve; successivamente venne annunciata la nascita di un’altra bambina clonata, voluta da due donne olandesi.

L’identità dei codici genetici delle bambine con quelli delle madri non è mai stata dimostrata, e questi proclami vengono considerati infondati.

La filosofia raeliana è basata su valori umanistici, tra cui la libertà e i diritti umani: il movimento ha elaborato una propria versione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Il movimento è uno tra i più attivi sostenitori delle tecniche eugenetiche per quanto riguarda la riproduzione umana, e ritiene gli organismi geneticamente modificati uno strumento fondamentale per la lotta alla fame.

RELIGIONI A CONFRONTO (RISSA ORALE IN TV)

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.