Stampa / Print
Ti senti senza forze e sempre debole?, non è altro che l’effetto dell’arrivo della bella stagione, scopri che cosa puoi fare per tirarti su.

Come tutti gli essere viventi, anche gli uomini risentono delle variazioni del clima e dell’arrivo della bella stagione, la Primavera è il periodo del risveglio ed è un forte stimolo alla vita, anche il nostro corpo, pertanto, risponde a questo richiamo.

Con l’arrivo del bel tempo, l’attività di tutto l’organismo aumenta e questo comporta un maggiore consumo di energia, di conseguenza, è necessaria una fase più o meno lunga di adattamento prima di riuscire ad adeguarsi ai nuovi ritmi.

A esserne colpite sono soprattutto le donne in cui le variazioni ormonali sono più sensibili e il calo di alcune sostanze essenziali per la funzionalità dell’organismo può essere più frequente.

Spesso, infatti, la mancanza di forze è dovuta alla carenza di due importanti minerali: il ferro e il magnesio, come capirlo?, cosa fare?

Lo spiega Rosalba Mattei, docente di alimentazione e nutrizione umana all’Università di Siena: la dose giornaliera di ferro è rispettivamente di 10 mg per l’uomo e di 15 mg per la donna in età fertile, quando questi livelli si riducono, i segni di carenza sono: stitichezza, unghie fragili, capogiri, difficoltà di respirare, pallore.

Il protrarsi di uno stato di carenza di ferro può portare ad anemia, dovuta a una riduzione dei livelli di emoglobina presente nel sangue.

Il ferro è presente nella carne, pesci, crostacei (gamberi), molluschi (vongole), caviale, cacao in polvere, legumi, prezzemolo, basilico, frutta secca, noci di cocco e nei vegetali a foglie verdi.

Oltre alla quantità, è importante che il minerale sia facilmente assimilabile dall’organismo, cosa che si verifica col ferro contenuto in carni e pesci, e meno invece, con quello presente nei cereali perchè questi contengono anche fitati e polifenoli, sostanze che influiscono in modo negativo con la possibilità di catturare il minerale.

La stessa cosa avviene con molti vegetali a foglia verde (compresi gli spinaci), perchè contengono ossalati che ostacolano l’assorbimento del ferro, il consiglio è quello di condirli con qualche goccia di limone, che rende più assimilabile il minerale.

Se la dieta non basta, consultare il proprio medico per reintegrare il ferro mancante sotto forma di compresse, fialette o iniezioni, seconda le necessità.

Fonte: Più sani Più Belli –
Articolo di Cesare Betti

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.