Stampa / Print

Le riserve americane di pillole di ioduro di potassio sono prese d’assalto: le persone si accalcano nei negozi in cerca di protezione da un possibile fallout nucleare.

Alcuni negozi sulla costa occidentale dicono che hanno esaurito tutte le scorte ed un farmacista a Walgreen in California ci ha detto che non ne potranno più avere perchè il governo ha messo mano a tutte le riserve.

La Fleming Pharmaceuticals, quella che fa il ThyroShield, ioduro di potassio usato nelle emergenze nucleari, oggi (15.3.11) ha detto in un comunicato stampa che prima del terremoto giapponese il governo federale aveva già immagazzinato milioni di dosi. L’azienda afferma che alcune delle scorte immagazzinate dai federali sono scadute e quel che resta scade fra un anno.

Il principale portavoce della Casa Bianca, Jay Carney, continua a dire alla stampa che gli USA non sono in pericolo, ma che non commenta sul programma federale di stockaggio.

Lo ioduro di potassio, che a volte è venduto come pastiglia antiradiazione, può proteggere la tiroide dalle radiazioni, bloccando l’assorbimento di radioiodio. Lo ioduro di potassio NON protegge da tutti gli effetti collaterali del veleno delle radiazioni e può esso stesso avere una serie di effetti collaterali. Dovrebbe essere preso solo su prescrizione se la radiazione raggiunge la costa a livelli pericolosi.
AGGIORNAMENTO : 3-marzo 2011 11:24p.m pst

Il Dipartimento USA per la Salute e i Servizi Umani ha reso noto un comunicato circa la politica dello iuduro di potassio: Dori Salcido, una portavoce di tale dipartimento, ha detto che guarderanno in ogni aspetto del disastro giapponese, incluso “”Opzioni politiche in merito alla distribuzione di ioduro di potassio (KI)”

fonte: http://offgridsurvival.com/potassiumiodidesupplies/
traduzione Cristina Bassi

si veda anche: NEVE RADIATTIVA SUL GIAPPONE?

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.