Stampa / Print

Vi ricordate cosa si diceva tre settimane fa?

….La Libia produce “solo” il 2,2% del Petrolio Mondiale. Occhio però che la maggior parte del petrolio libico va in Italia ed Europa. Half Of Libyan Oil Production, Or 800,000 Barrels, Now Offline

Our advice to Italy, which imports 425,000 barrels of oil each day from Tripoli: “Panic……

Principali produttori di petrolio: dato in barili al giorno con indicazione (in rosso) dei paesi attualmente in rivolta

Dipendenza dalla Libia

da Voci dall’estero di Carmen the Sister
Ecco il grafico dell’Economist che a colpo d’occhio ci fa capire
quali sono i paesi più dipendenti dal petrolio libico,
anche se per quanto ci riguarda, già lo sapevamo…
The Economist 25 Febbraio 2011
Quali nazioni dipendono di più dal petrolio libico?
La Libia produce 1,7 milioni degli 88 milioni di barili di petrolio prodotti al giorno nel mondo. I paesi OECD importano 1,2 barili al giorno e la Cina altri 150.000.
Il grafico mostra quali sono i mercati di esportazione della Libia che dipendono di più dal suo petrolio. In cima alla lista, la sola Irlanda rappresenta una piccola frazione del petrolio esportato dalla Libia.
L’Italia è di gran lunga la maggiore importatrice: nel 2010 ha importato 376.000 barili al giorno dalla sua vecchia colonia.
Mentre il prezzo del petrolio si impenna, in mezzo alla crescente agitazione del mondo arabo, gli importatori guardano all’Arabia Saudita per coprire i buchi.

L’Arabia Saudita si è subito impegnata a pompare più petrolio per compensare il calo della produzione libica.

Molti esperti però hanno subito dichiarato come il petrolio Libico non sia facilmente sostituibile a meno che tutte le raffinerie europee non vengano ricalibrate in quattro e quattrotto…

In effetti sussisterebbe la mitica safety net ovvero quel surplus di produzione che i Sauditi potrebbero giocarsi in casi estremi (semprechè ne abbiano voglia…). Vi ricordo altresì come non sia affatto semplice sostituire il Petrolio Libico con il Petrolio di altri Stati, semplicemente schioccando le dita…: After all, Libya’s share of world production is small …although some argued that Libyan’s oil is light and sweet, not quite substitutable by Saudi’s oil…..

Sulla delicata SOSTITUZIONE PETROLIFERA
leggiamo l’interessante ANALISI di un’autorità nel campo:

petrolio.blogosfere.it

C’è anche una questione, molto seria, di qualità del greggio libico.
Anche se la Libia possiede solo il 2% delle riserve mondiali, può vantare ben il 10% del rimanente sweet light crude presente al mondo.
Il petrolio di migliore qualità, quello che serve disperatamente alle raffinerie europee…..
continua

Sostieni l’informazione indipendente e di qualità


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.