Stampa / Print

Ho preso ispirazione da una linea di questa canzone per una serie di post sul più grave difetto morale del nostro tempo: confondere la realtà che si apprezza con un proprio ideale per idealizzarla eliminando alcuni aspetti discordanti della realtà che non si apprezzano, senza tener conto delle conseguenze reali di ciò che si difende, spesso contrarie alle proprie premesse dichiarate. Non è ipocrisia morale perché non è spesso consapevole, è solo una delle tante forme di cecità ideologica che hanno appestato il XX secolo. Si tratta, come direbbe Henry Frankfurt, di "stronzate" (bullshit).

La serie di post si chiamerà "break their pride", perché l'orgoglio dell'ideale serve a difendersi dal reale, e dunque contribuisce a rendere il reale peggiore, cancellando ideologicamente gli aspetti negativi. "Break their pride", perché idealizzare eccessivamente è un meccanismo difensivo del subconscio che impedisce di ragionare correttamente, e dunque va combattuto, se si vuole un mondo migliore. I problemi non si risolvono facendo finta che non esistono.

PS Una nota sulla canzone. Pochi pacifisti sono coerenti come Dave Mustaine, leader dei Megadeth, a lamentarsi addirittura dello sbarco in Normandia che ha liberato l'Europa dai nazisti. Apprezzo la coerenza, ma un pacifismo così puro renderebbe guerrafondaio chiunque abbia un minimo di buonsenso. Semplicemente, non ha alcun senso, e non ha alcun legame con la realtà.
Pubblicato da Libertarian | Commenti

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.