Stampa / Print

ERNST & YOUNG: SE IL PETROLIO SALISSE A 150$, ALMENO UN PAESE DELL’EUROZONA FAREBBE DEFAULT…

In questo momento
(ore 15.41 di Venerdì 4 Marzo)
l’US Ligt Crude Aprile 2011 è a 104,5$
ed il Brent a 116$

E’ la scoperta dell’acqua calda…
I PIIGS stavano già fallendo prima con il petrolio a 60-70$
o meglio
la Grecia è già fallita (tamponata)
l’Irlanda è già fallita (tamponata)
il Portogallo è ad un passo (insolvente?)
il decennale del Portogallo in area 7,5%

Is Portugal’s Treasury Down To Just $4 Billion?
Portugal may only have €4 billion of the €20 billion it needs to make debt payments in 2011, according to an email from the country’s debt management office, seen by MarketWatch.
On April 15, Portugal has a bill of €4 billion to pay on one long-term bond alone. That leaves the country €16 billion short to meet other payments in 2011……

e la Spagna a due passi
sull’Italia mi taccio….

Gli esperti: rialzo tassi Bce pesera’ soprattutto su Italia e Spagna

da Yahoo! Finanza: Ultime notizie – 11:46 (3 ore fa)

Se poi Trichet ti alza i tassi, per i PIIGS sono cazzi…

Bce verso rialzo tassi gia’ ad aprile. Euro oltre 1,39 usd

Prendiamo il taccuino e facciamo due calcoli spannometrici,
molto spannometrici ma che ci permettono di capire:
considerando che ogni +10$ di crescita del prezzo del Petrolio fanno -0,25% di PIL USA e -50 miliardi di $ di Consumi americani…
applicate queste formulette petrolifere ai PIIGS e poi fatemi sapere cosa vi è venuto fuori…;-)
Facendo anche riferimento a CHI importa più Petrolio dalla LIBIA
e su CHI è maggiormente sensibile agli shock petroliferi se mai si verificasse lo scenario Nightmare (Arabia Saudita etc, Petrolio a 200$…ovvero quante volte stanno 10$ in un aumento di 100$ a partire dai prezzi attuali?).
In certi Paesi ogni +10$ di aumento del Barile di Petrolio
secondo me potrebbe sottrarre anche -0,5% -0,75% di PIL….
ma dipende anche dagli approvigionamenti oltre che dal prezzo.

Inoltre tutti questi PIIGS…
avevano già dei PIL e dei dati economici da paura o da schifo.
Vedi cosa scrivevo il 18 Gennaio in La posta viene alzata sempre di più

….Insomma la POSTA VIENE ALZATA e si continuano a fare ardite SCOMMESSE SULLE NOSTRE SPALLE, a vantaggio dei soliti noti.
Niente di nuovo sotto il sole: il meccanismo della pacchettizzazione di merda&risotto nei CDO è stato per anni una manna fino a quando qualcosa non si è inceppato: i famosi mutui subprime….ed abbiamo visto cosa è successo.
Pensate invece a cosa potrebbe significare un mega-CDO sui Debiti Pubblici e sugli Stati Insolventi….
Pensate a cosa potrebbe succedere se le economie dei PIIGS non ripartiranno a stecca….e se continueranno a presentare dati e previsioni negativi od anemici come è successo ultimamente per Grecia, Portogallo, Spagna, Italia….
Brrrrrrr…..non mi ci fate pensare troppo.
Anche perchè nei CDO dei subprime c’erano mutui di bassa qualità e con alta probabilità di fallimento, ma non erano ancora falliti (in origine)
mentre nel CDO del fondo-salva-PIIGS fin dall’inizio ci sono obbligazioni di Stati già tecnicamente falliti!…………

Ed ancora vedi la panoramica che facevo a fine Gennaio 2011: Come ti trasformo la Merda in Risotto (rigorosamente in leva)

ERNST & YOUNG: If Oil Rises To $150, At Least One Eurozone Country Will Default

If the price of Brent crude oil surges to $150 a barrel, one eurozone country will default and the whole region will fall into recession, according to Marie Diron of Ernst and Young (via Ambrose Evans-Pritchard).
The result of this rise would be particularly bad for Ireland, where the economy would shrink by 3% in 2011 as a result.
Even worse, according to the report, if Brent crude prices hold around $120, which seems more likely, Ireland is still going to see its GDP shrink by 2.6%.
Brent is around $116 right now.
“We think the peripheral countries would suffer most. Spain, Greece, and Portugal face a double whammy since they have no room to offset the oil shock by slowing the pace of fiscal consolidation,” says Diron……

Sostieni l’informazione indipendente e di qualità


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.