Stampa / Print

 peace-for-war.gif

 

“Quando c'è un grande nemico, la gente è disposta a rinunciare ai propri diritti pur di sopravvivere. Così la corsa agli armamenti ha una precisa funzione in questo senso: crea una tensione globale e un'atmosfera di paura”. ( Avram Noam Chomsky (Filadelfia, 7 dicembre 1928) è un linguista, filosofo e teorico della comunicazione statunitense).
Unimondo
 Noam Chomsky, Capire il potere, Marco Tropea Editore 2002 e Noam Chomsky, Lezioni di potere. Scritti e interviste su guerra preventiva e impero, Datanews 2003
  
Fa decisamente tenerezza la reazione della Lega Araba in riferimento alla tempesta di missili che si sta abbattendo sulla Libia, che invece di proteggere la popolazione ha qua e la come sempre qualche effetto collaterale. Loro pensavano che la no-fly zone fosse un gioco della playstation.

Questi teneri ragazzi pensavano che Francia & Company si muovessero solo per consumare un po di gasolio, sorvolando i cieli della Libia per fare qualche fotografia, dando un'occhiata che qualche birbante non facesse il furbo. Vuoi mettere migliaia di bombe e missili che costano qualche milione di dollari che spinta all'economia mondiale.

Tutto quello che accade intorno all'Arabia Saudita nello Yemen, nell'Oman e nel Bahrain non ha nulla a che vedere con la richiesta di riforme democratiche perchè laggiù non è politicamente corretto intervenire, con regimi che sparano ad altezza uomo senza pensarci due volte!

Fanno decisamente tenerezza i potenti della terra che sino ad ieri omaggiavano il buon Gheddafi, le sue amazzoni, i suoi cavalli berberi e le sue tende.
 

Keynesismo di guerra

Capire le ragioni che sostengono le economie di guerra anche in tempi di presunta pace non è semplice. Secondo molti studiosi di politica tra i quali Noam Chomsky, la corsa agli armamenti – per come è impostato il mercato – ha anche un ruolo decisivo nel tenere in moto l'economia. In particolare si parla di una sorta di keynesismo militare, quasi una necessità per l’economia statunitense in tempi di crisi.

Secondo questa teoria, quando un governo spende una certa quantità di dollari per stimolare l'economia, in realtà non importa come li spenda. Potrebbe costruire aerei potrebbe seppellirli nella sabbia e indurre la gente a scavare per trovarli, potrebbe costruire strade e case, fare qualsiasi cosa: in termini di incentivazione dell'economia, gli effetti economici non sono poi così diversi.

In realtà è del tutto verosimile che le spese militari siano effettivamente uno stimolo meno efficiente delle spese sociali, il problema è, però, che le spese per scopi civili presentano effetti collaterali negativi. Innanzitutto interferiscono con le prerogative del libero mercato. Se il governo cominciasse a produrre qualcosa che le aziende potrebbero vendere direttamente sul mercato, interferirebbe con la loro possibilità di realizzare profitti. La produzione di spreco – di macchine costose e inutili – non costituisce un'interferenza: nessun altro produrrà bombardieri B-2.

Altro punto secondo Chomsky è che gli investimenti sociali aumentano il pericolo di democrazia: minacciano di accrescere il coinvolgimento popolare nei processi decisionali. Se per esempio il governo si impegnasse a costruire, ospedali, scuole, strade e cose del genere, la gente si interesserebbe alla cosa e tutti vorrebbero dire la loro, perché si tratta di questioni che li toccano direttamente, che hanno a che fare con la loro vita. La gente è interessata a sapere dove sorgerà una scuola o un ospedale, ma non si preoccupa del tipo di aerei che sarà costruito, perché non ne ha la minima idea.

Questa politica non è nuova, per quarant’anni – dalla fine della seconda guerra mondiale – la politica economica Usa si è basata anche sul cosiddetto sistema del Pentagono. In pratica si sovvenzionava in modo continuo il settore ad alta tecnologia, garantendogli anche il mercato. Nei momenti opportuni il governo individuava nelle cosiddette forze del male, nei sistemi antidemocratici, nei pericoli alla libertà, nei paesi canaglia minacce vere o presunte, tali comunque da garantire la produzione della filiera militare.

Come ricorda lo scrittore francese Alfred Capus spesso si è derubati in borsa come si è uccisi in guerra sempre e comunque da parte di gente che non si conosce!
Pubblicato da icebergfinanza | Commenti

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.