Stampa / Print
di Tony Carlucci
23 Febbraio 2011
traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.com
L’opposizione libica gestisce letteralmente le proteste da Washington


Siete pregati di notare i segni “EnoughGaddafi.com”. Il webmaster di EnoughGaddafi.com è elencato nel Movements.org del Dipartimento di Stato Americano come il “Twitter” da seguire.

Quando il figlio di Gheddafi, Saif al-Islam, ha accusato i gruppi stranieri e di opposizione di fomentare disordini in Libia, sembra che non siano mai state dette parole più vere. Non sorprende che la BBC e il resto dei media di proprietà aziendale abbiano preso ampie misure per screditare il suo discorso.
Sono state scoperte incredibili rivelazioni riguardo ai disordini in Libia. Il leader del gruppo di opposizione libica che ha organizzato le proteste sia dentro che fuori dalla Libia, è attualmente a Washington DC mentre lui e la sua organizzazione dirigono le sommosse e il finimondo che distruggono le nazioni del Nord Africa.

Un’intervista con Ibrahim Sahad del Fronte Nazionale per la Salvezza della Libia (NFSL) su ABC Australia, delinea ogni punto della discussione coperto dai media mainstream aziendali nel corso della scorsa settimana, tutto ciò con la Casa Bianca e il Monumento di Washington incombente su di lui sullo sfondo.

Sahad ripete gli appelli dell’International Crisis Group di Soros/Brzezinsky verso il Consiglio di Sicurezza dell’ONU al fine di convocare e discutere un intervento nelle provocazioni di Gheddafi.

Ibrahim Sahad e il suo NFSL formarono la Conferenza Nazionale dell’Opposizione Libica (CNOL) a Londra nel 2005. Questo gruppo uscì in modo specifico dal suo percorso per non apparire come influenzato o supportato dagli Stati Uniti. Forse, per cementare questa nozione, l’Huffington Post ha messo in evidenza i documenti rilasciati dalla CNOL in una mossa in stile Wikileaks per appuntare il sostegno Usa a Gheddafi. Naturalmente, come tutti i disordini in Medio Oriente, mentre i fatti fuoriescono scopriamo che questi non evitano la confusione, ma evitano la verità.
Il CNOL di Sahad cominciò con l’organizzare il “Giorno della Collera” il 17 Febbraio nel momento giusto in cui l’Egitto cadeva cosicché l’apparato dei media mainstream potesse oscillarvi intorno e mettere l’accento sulla Libia. Per comodità, i mezzi di comunicazione avevano solo bisogno di spostarsi dal Cairo fino al confine occidentale dell’Egitto e aspettare che gli uomini di Sahad garantissero loro una base operativa su quella terra, presumibilmente nella città orientale libica di Bengasi. Gheddafi a quanto pare capisce il ruolo delle OGN e dei media stranieri, è per questo che non li troviamo per le strade delle città della Libia, e la copertura è stata certamente scoraggiante. Scopriamo che, sia i notiziari di proprietà aziendale che il Movements.org finanziato dalle aziende e dal Dipartimento di Stato Usa, ottengono sempre le loro relazioni per intero dal CNOL di Sahad a Washington, che afferma di esser in contatto con i rapporti di “prima mano” fuori dalla Libia.

Altri membri dell’NFSL di cui uno a Dubai, stanno anche alimentando i media con queste informazioni di “prima mano”. Queste relazioni sono diventate la base per le accuse di genocidio, per la convocazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, per le sanzioni economiche, per le minacce dirette verso le forze di sicurezza libiche che tentano di reprimere i manifestanti, e per il rinforzo della NATO della no-fly-zone.
Il National Endowment for Democracy infestato dai Neo-Con e il suo esercito di ONG finanziato dagli USA hanno recentemente rilasciato una dichiarazione ufficiale esortando gli Stati Uniti e l’Unione Europea ad affrontare i massacri libici all’interno del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e del Consiglio dei Diritti Umani. Ciò è ancora tra le relazioni della BBC che ammettono che sono “impossibili da verificare“, basate sulle informazioni provenienti da Movements.org e da un leader dei manifestanti con base a Washington.
Si dovrebbe anche evidenziare che un blogger libico in stile Ghonim è stato segnalato come un “utente Twitter da seguire” dal Movements.org sovvenzionato da USA/aziende .
Egli va sotto il nome di “EnoughGaddafi” ed è il webmaster di LibyaFeb17.com.
Il lavoro di EnoughGaddafi si può anche trovare archiviato nel sito NFSL di Ibrahim Sahad con base a Washington (EnoughGaddafi.com, secondo Movements.org, è stato tagliato).
Ancora una volta ci viene detto che le proteste sono spontanee, ispirate dalle rivolte tunisine ed egiziane. Ancora una volta ci viene detto del desiderio dei giovani per la libertà e la democrazia. Ma quando guardiamo dietro la scena, vediamo ancora un altro vecchio uomo che da Washington tira le leve, soffiano fumo e abbagliando.
Se siete religiosi, pregate per la gente nelle strade della Libia, molti dei quali potrebbero essere semplicemente spazzati via in questa beffa crudele. Gli Stati Uniti e i loro tirapiedi non saranno scoraggiati se la loro trama non gli riesce. I fiumi di sangue che scorreranno assicureranno che essi non entreranno mai più nei loro calcoli.
Quando la vostra “liberazione” sponsorizzata dal Dipartimento di Stato Americano arriverà da voi, vi auguro che altri, da altre parti, restino solidali alla verità, non alle emozioni di un inganno macchinato. Vi auguro che altri si prendano l’incarico di dirvi la verità, tra il frastuono dell’assordante propaganda mediatica aziendale.
Quindi diffondete la parola, svegliate i vicini, e, soprattutto, boicottate le multinazionali la cui avidità guida questo ordine del giorno e i cui membri stanno pianificando la sua realizzazione.
Fatelo per i libici, gli egiziani, i tunisini, e fatelo per voi stessi. L’incendio che ora sta distruggendo il Medio Oriente e il Nord Africa, potrebbe distruggere voi prossimamente.

Insieme dei membri corporativi e dei sostenitori all’agenda globalista anglo americana:

CFR Corporate Membership
Chatham House Major Corporate Membership
Chatham House Standard Corporate Membership
International Crisis Group Supporters
Movements.org Supporters

link articolo originale: http://landdestroyer.blogspot.com/2011/02/libya-rest-of-story.html

nota di nwo-truthresearch:

ti consigliamo anche di leggere i seguenti articoli pubblicati in questo blog, dove, tra le altre cose, si afferma anche il ruolo chiave dei gesuiti nella costruzione del Nuovo Ordine Mondiale:
I Gesuiti sono i controllori spirituali del Nuovo Ordine Mondiale?

Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.