Stampa / Print

[Pubblico intervento non mio]

La politica dal punto di vista del gruppo organizzato

 

Le cose si fanno più complicate se introduciamo i gruppi di interesse organizzati: sindacati, associazioni professionali, chiese, rappresentanti di produttori. Ce ne sono decine di migliaia, perché l'essenza della politica contemporanea è organizzarsi per cercare di vivere a spese degli altri.

 

I gruppi di interesse fanno pressione per ottenere privilegi legali, o fondi pubblici. Esistono anche gruppi di pressione non egoistici, ma la maggior parte non lo è. I gruppi di pressione infatti fanno attività costose: c’è bisogno di giornali e televisioni per mettere in buona luce i politici e farsi pubblicità, di fondi per finanziare le campagne elettorali, di gruppi di ricerca che facciano studi o scrivano proposte di legge, e altre cose. La cosa più facile è chiederli allo Stato, cioè al contribuente.

 

C’è un gruppo di pressione che nasce dall’interno dello Stato: il pubblico impiego. Hanno infatti interesse ad aumentare il proprio potere, il proprio stipendio, il proprio numero (più voti), a spese del contribuente. 

 

I gruppi di pressione si formano se c’è un interesse sufficiente. I fattori che facilitano il loro formarsi sono: la capacità di ottenere privilegi e fondi, la concentrazione dell’interesse che rappresentano (è più facile ottenere fondi da 10 imprenditori che guadagnerebbero 1,000,000€ da una legge, che da 1,000,000 consumatori che perderebbero 20€ dalla stessa: si noti che i totali non coincidono, perché generando inefficienza, i privilegi creano più costi che benefici), il livello di informazione del gruppo organizzato, la prossimità temporale dei benefici e la lontananza dei costi.

 

Praticamente tutti i principi del liberalismo rappresentano interessi diffusi e di lungo termine: il liberalismo quindi è sempre la prima vittima della politica delle lobby. Nessuno lotta per l'interesse generale con la stessa convinzione con cui si lotta per il proprio particulare: si pensi infatti che chi ottiene fondi per sé è in grado di finanziare le proprie lotte politiche, ma chi non li ottiene non è in grado.

 

Possiamo chiamare “democrazia corporativa” la democrazia in cui gran parte dell’attività politica è legata alla ricerca di privilegi particolari, il tentativo “di vivere a spese degli altri” di cui parlava Bastiat. Il modello opposto, la “democrazia liberale”, non ha avuto un grande successo evolutivo, e nel ‘900 si è praticamente estinto. La teoria delle scelte pubbliche aiuta a capire perché ciò è accaduto.
Pubblicato da Libertarian | Commenti
Tag: liberalismo, teoria politica

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.