Stampa / Print

[Intervento non mio]

Beni pubblici, equità, e spesa pubblica

 

Il XX secolo ha partorito varie giustificazioni “economiche” dello Stato. Una è la teoria dei beni pubblici, che afferma che certi beni non possono essere prodotti senza costringere tutti a contribuire. Alcuni beni pubblici esistono, e probabilmente ci sono cose che richiedono uno Stato per essere prodotte, come la difesa. Ma la stragrande maggioranza dei beni prodotti dal settore pubblico non è un bene pubblico: la dimensione dello Stato non si può spiegare con questa teoria. Considerando che lo "Stato minimo" spende meno del 5% del PIL, e che forse è bene pubblico anche qualche infrastruttura, non credo si possa superare il 10% del PIL con questo argomento.

 

Un’altra giustificazione è l’equità. Oggi lo Stato spende il 50% del PIL, senza contare le regolamentazioni. Con tutti questi soldi si potrebbe benissimo far uscire chiunque dalla povertà. Ma moltissime politiche danneggiano in realtà i più poveri: uno studio ha mostrato che lo Stato Italiano trasferisce più soldi al 20% più ricco della popolazione che al 20% più povero. Anche l’equità, dunque, non riesce a spiegare la dimensione dello Stato, anzi, spesso la politica è iniqua, come si vede in innumerevoli casi (politiche pensionistiche, salvataggi bancari, finanziamenti alle università, salari minimi, protezionismo, sovvenzioni alle aziende, inflazione). Per dare 10,000€ al 25% della popolazione più povera ogni anno, basta il 10% del PIL. E sono troppi, decisamente.

 

Cos’altro muove allora la politica, considerando che meno del 20% del PIL è giustificabile, ma la politica reale spende dal 40 al 60% del PIL? La politica si muove da sola: l’espansione continua è ad essa connaturale, anche quando è dannosa, iniqua, scriteriata, ingiustificata. Come funziona questo processo?

 

La politica dal punto di vista del politico

Un primo modo di vedere la politica è considerare la "classe politica" come un individuo che agisce secondo i propri interessi, cosa vera per una buona percentuale dei politici, non avendo mai visto nessun politico ridursi i poteri volontariamente.
 

Un politico non agisce mai da solo: tutti hanno bisogno dell’appoggio dei colleghi del proprio e degli altri partiti per decidere. Il leader politico che decidesse di liberalizzare un settore, o ridurre la spesa pubblica, avrebbe meno poltrone da offrire, meno fonti di reddito da promettere, meno soldi da elargire: avrebbe quindi difficoltà a conquistare le simpatie di chi fa politica per motivi “professionali”. È facile capire che questo possa essere un ostacolo all’implementare politiche che vogliano ridurre il peso della politica.

 

Essere liberali in politica è difficile: è naturale che si venga guardati male dai colleghi, sia alleati che avversari. Per tagliare la spesa, o ridurre il numero le “poltrone”, occorre vincere forti resistenze nel proprio partito, e negli altri partiti. Al contrario, aumentare la spesa e il numero di poltrone è raramente un problema, tranne quando tutti si convincono che non c’è alternativa.

Ogni qual volta è possibile, i politici hanno un palese interesse ad aumentare lo spazio delle decisioni collettive (politica) a danno di quelle individuali (libertà), e mentre i loro colleghi hanno interesse ad ostacolare l'aumento della libertà, la riduzione di questa non incontra alcuno ostacolo naturale, e anzi facilita i buoni rapporti coi colleghi.

Ci sono però ragioni più importanti, legate alla struttura del processo di decisione politica…

[continua]
Pubblicato da Libertarian | Commenti
Tag: teoria politica

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.