Stampa / Print
Che la dieta sia un evento stressante è noto da tempo. Per molti è un evento difficile da affrontare, con un netto incremento dello stress. Arriva la conferma scientifica da uno studio condotto in USA, e pubblicato dal Journal of Consumer Research , con alcuni esperimenti che, ad esempio, hanno provato che chi sta cercando di controllare il peso preferisce film violenti. Il test effettuato dai ricercatori della Northwestern University ha chiesto a un gruppo di persone di scegliere tra mangiare una mela o una barretta di cioccolato, e poi di guardare un film. Quelle del primo gruppo hanno preferito pellicole piu’ ‘forti’, dove si parlava di rabbia e vendetta. In un altro esperimento le persone a dieta hanno mostrato di preferire campagne pubbliche improntate sulla paura, ad esempio una che chiedeva più fondi per la lotta ai criminali, rispetto ad altre che suscitavano sentimenti di tristezza. Infine, un gruppo di persone che aveva scelto uno snack dietetico invece di uno meno sano si è mostrato più irritabile nei confronti di alcuni messaggi pubblicitari.

Secondo quanto ci viene spiegato dai ricercatori, quello descritto è un effetto collaterale della dieta: chi la segue esercita autocontrollo alimentare, diventando, o almeno potenzialmente, più suscettibile in altri campi.In altre parole, spiegano gli autori dello studio, “molte ricerche hanno da tempo dimostrato che esercitare l’autocontrollo rende le persone più a rischio di comportamenti aggressivi verso gli altri. È noto infatti che chi è in regime di dieta può essere irritabile e propenso alla rabbia. Abbiamo dunque dimostrato che esercitare l’autocontrollo può condurre a comportamenti aggressivi, anche quando tali comportamenti sono impercettibili”.Rimane comunque fondamentale la dieta per chi ha problemi di obesità, ma bisognerà tener conto di questi risultati, per poterla affrontare al meglio.

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.