Stampa / Print

  

  

Le origini di Edward mani di forbice si hanno nei disegni d'infanzia del regista Tim Burton, che rifletteva così i suoi sentimenti di isolamento e d'incapacità di comunicazione con le persone intorno a lui. Burton affermò che era spesso solo ed aveva problemi ad intrattenere amicizie. «Avevo la sensazione che le persone avevano semplicemente quest'impulso a lasciarmi da solo per qualche ragione, non so esattamente perché.Wikipedia »

E' un po quello che accade da circa un anno al debito sovrano mondiale, alle abbligazioni sovrane, la sensazione e non solo di un impulso a lasciarle sole per qualche ragione, anche se noi sappiamo esattamente perchè!

L'unica cosa che non sappiamo in realtà è perchè continuiamo a farci cosi male, dimenticando che in fondo l'America è messa molto peggio, con i suoi Stati e le sue contee, sull'orlo del fallimento anche se non potrà mai fallire sino a quando un manipolo di disperati continuerà a considerare il dollaro come unica moneta rifugio e la sua fallimentare classe politica monetaria continuerà a spacciare la propria droga nei mercati.

Mentre la BCE prova a mettere in piedi l'ennesimo castello di carta per proteggere il sistema finanziario dei paesi periferici ed in particolare quelli tedeschi e francesi, oltre che inglese, soffiandoci sopra contemporaneamente e minacciando chissà quali aumenti di tassi, in Irlanda…

 

LONDRA – Negli uffici delle banche irlandesi il lavoro continua anche nel week end per analizzare i dati degli stress test che Dublino pubblicherà giovedì. I ceo di Allied Irish bank, Bank of Ireland, Irish Life & Permanent and Ebs sono stati convocati dal governatore Patrick Honohan per informative sui risultati dell'analisi sullo stato patrimoniale degli istituti di credito. In altre parole – secondo fonti di Dublino –gli stress test sono già noti e secondo le stesse fonti darebbero esiti non estremi.

Nonostante ciò i rischi di un haircut sui senior bond non garantiti sono tutt'altro che fugati. Oggi è stato il ministro dell'agricoltura di Dublino Simon Conveney in un'intervista alla tv di stato Rte a farlo intendere. «Una soluzione di lungo periodo per le banche passa per la ricapitalizzazione ma anche per una condivisione delle perdite… In questo i mercati sono più avanti di noi perchè hanno scontato la prospettiva di una misura a carico dei senior bond non garantiti». Si tratta di 16 miliardi di euro in carico a banche diverse. Se la decisione colpisse gli istituti ormai interamente nazionalizzati come Anglo Irish sarebbe poco sorprendente, ma se fosse estesa ad Allied Irish e Bank of Ireland avrebbe conseguenze diverse. L'haircut è misura che la Banca centrale europea non accetta di buon grado e non è escluso che le dichiarazioni di Conveney mirino proprio a forzare il negoziato in corso fra Dublino e Francoforte. Punto centrale dei destini della trattativa sono gli stress test che, come detto, potrebbero essere meno negativi di quanto previsto Sole24Ore

E meno male che negli ultimi stress test del luglio scorso le banche irlandesi erano uscite completamente immacolate con neanche un solo istituto che fosse in difficoltà

Ma probabilmente ci sarà sempre qualche ingenuo in circolazione pronto a bersi l'ennesima favola raccontata dalle autorità. Il sistema finanzario mondiale in buona parte è tecnicamente fallito e non serviranno mille stress test per raccontare altre leggende metropolitane . Ma probabilmente ..    Ma probabilmente  Ma  

Ieri il quotidiano The Irish Times spiegava che il consiglio direttivo della Bce sarebbe pronto a creare a favore delle banche irlandesi un paracadute da 60 miliardi di euro che sostituirebbe i prestiti provenienti direttamente dall'istituto monetario di Dublino (erogati sulla base dell'Emergency Liquidity Assistance). Il giornale sottolineava che l'uso dello strumento sarebbe vincolato a criteri restrittivi.

Da Francoforte ieri appariva una realtà diversa. Non solo molti si interrogavano sulla fattibilità legale di un'operazione di questo tipo, ma emergeva l'impressione che dietro agli articoli di giornale e alle dichiarazioni politiche ci fosse il tentativo degli irlandesi di fare pressione sulla Bce per strappare un accordo meno costoso per le casse pubbliche e meno impegnativo per le stesse banche nazionali Sole24Ore

Si Francoforte l'altro cigno nero del debito sovrano, con la Merkel che ha subito l'ennesima clamorosa sconfitta, un crollo epocale alle recenti elezioni del Baden-Wuerttemberg, chissà cosa diranno ora i politici tedeschi se preferiranno salvare la loro pelle o quella delle loro banche decisamente obese terrorizzate dal nostro Edward mani di forbice!

E' giunto il tempo che il sistema finanziario si assuma le proprie responsabilità attraverso l' hair cut di azionisti ed obbligazionisti, attraverso la nazionalizzazione di cadaveri finanziari che devono essere tolti dal mercato per ristrutturarli.

In Giappone nel frattempo ci raccontano un giorno si e uno no che la vasca, le barre, il reattore, la radioattività vanno meglio o vanno peggio, tranne poi scusarsi per aver sbagliato i propri calcoli, si gioca ad alzare progressivamente il livello di rischio e pericolosità di questa catastrofe nucleare, quando ormai è chiaro a tutti quello che è accaduto 

In molti sorridono ad ascoltare queste considerazioni, sono gli stessi ingenui che sorridevano prima della madre di tutte le crisi, non era possibile, a noi non accadrà mai! E invece è accaduto l'imprevedibile e avremo il tempo di assistere a spettacoli che in pochi credono possibili, in fondo è il tempo delle forbici, quello delle rivoluzioni africane o quello della Natura non cambia, manca ancora quello di una rivoluzione che presenti il conto finale alla finanza, una certa finanza demenziale, non quella responsabile e prima o poi quel giorno arriverà, statene certi!

In giornata…uno tsunami di altra consapevolezza!
 (

http://it.wikipedia.org/wiki/Edward_mani_di_forbice  
Pubblicato da icebergfinanza | Commenti
Tag: debito pubblico, stress test, debito debt, debito sovrano debito corporate

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.