Stampa / Print
Continua a far discutere il testo sul biotestamento. Si dividono gli addetti ai lavori, e non solo. Dopo la bocciatura degli anestesisti, arriva quella del professor Veronesi. Un testo «anticostituzionale» e «antistorico»: così l’oncologo  giudica il documento sul testamento biologico: «spero che la Camera prenda coscienza di questo e che faccia a meno di una legge anticostituzionale». Lo ha detto ieri a Roma lo stesso Veronesi, a margine del primo incontro del ciclo “Vivere in salute alla Sapienza”, organizzato dall’università romana. «Se vogliamo guardare al futuro e a una vera democrazia» ha proseguito Veronesi «non possiamo togliere alle persone la libertà all’autodeterminazione. Altri Paesi stanno aprendo alla depenalizzazione dell’eutanasia, noi stiamo invece imboccando una deriva antistorica». Dopo un passaggio al Senato che Veronesi ha definito «vergognoso», ora la parola è alla Camera. Ma secondo l’oncologo «a questo punto la cosa migliore sarebbe non avere una legge sul testamento biologico: non siamo pronti». Il ministro della Salute Ferruccio Fazio invece invita a dare « fiducia ai medici». «Il mio reale auspicio» ha detto il ministro a margine dell’inaugurazione di un nuovo reparto per pazienti in stato vegetativo presso l’azienda ospedaliera di Roma San Camillo-Forlanini «e mi sembra che si stia andando in questa direzione, è di lasciare al medico la possibilità di fare il medico, perché da medico devo ricordare che i nostri specialisti non solo sono bravi e coscienziosi ma hanno anche tantissima umanità.

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.