Stampa / Print

Tokyo (CNN) — I tests hanno indicato un picco acuto nei livelli di iodio radioattivo nelle acque del mare fuori costa dalla centrale nucleare di Fukushima: sono più di 1250 volte maggiori del normale, cosi ha detto l’ente giapponese per la sicurezza industriale e nucleare ( Japan’s nuclear and industrial safety agency)

In campioni presi venerdi mattina da una stazione di monitoraggio a 330 mt dalla costa, i livelli erano di 50 becquerels di iodio radioattivo per cm3 di acqua. Questo si paragona ai 4 becquerels – 104 volte OLTRE il normale – nei campioni presi dallo stesso punto la mattina precedente.

Questi alti livelli inducono a pensare che ci deve essere stata una qualche perdita direttamente nell’oceano – improbabile ciò sia causato solo da emissioni atmosferiche o pioggia, ha detto alla Tokyo Electric Power Co, un funzionario che opera nell’impianto nucleare .

Un funzionario della Tokyo Electric ha detto alla CNN che le autorità non sono certe sui motivi di questo picco ed ha speculato sul fatto che lo iodio radioattivo possa essere stato di recente trascinato fuori costa verso l’Oceano Pacifico o che le acque contaminate siano colate dalle strutture delle turbine di 2 reattori nucleari che hanno mostrato un livello di radiazioni di 10000 volte superiore al normale

e adesso la barzelletta più inflazionata …

Un funzionario dell’ente giapponese per la sicurezza industriale e nucleare ha detto oggi ai reporters che.. “mentre bere tali acque inquinate sarebbe pericoloso, considerato che il potenziale delle radiazioni può causare cancro – il loor effetto sulal vita acquatica può rivelarsi minimo”.

Ci crediamo tutti ovviamente, dato che le fonti ufficiali mostrano da tempo di essere affidabili (Golfo del Messico docet), ma soprattutto seriamente interessate alla salute degli esseri umani  e del pianeta. Senza di loro la nostra vita sarebbe sicuramente a rischio.
http://saluteolistica.blogspot.com/2011/03/giappone-terremoto-e-minaccia.html

Questo è perchè la radiazione tende a diluirsi, tanto più si allontana dall’impianto nucleare. Dei dati postati sul sito del ministero giapponese per la scienza e la educazione (Japan’s education and science ministry) hanno mostrato piccoli quantitativi di particelle radioattive a molti chilometri dalla costa.

La International Atomic Agency oggi riporta online che  lo iodio e il cesio radioattivi sono stati intercettati a 30 km dalla costa, ma ha detto che questi livelli differiscono minimamente dal giorno prima.

(…) Un fumo nero si alza dal reattore 3 : una potenziale minaccia per l’industria giapponese della pesca – anche se i consumatori ne stanno alla larga per la semplice paura della contaminazione- rimane la preoccupazione maggiore.

(…)  Nella prefettura di Fukushima dove si trova l’impianto, i funzionari hanno esaminato  87.813 persone per l’esposizone alle radiazioni, cosi ha detto l’ente giapponese per la sicurezza nucleare.

Di questi  98 hano evidenziato limiti di esposizione, ma una volta rimossi i loro abiti  e prese altre precauzioni, i livellli di esposizione sono scesi e non si rilevano pericoli per la salute.

L’ente ha detto di aver anche esaminato la ghiandola tiroidea  di 66 bambini  tra 1 e 15 anni e non hanno trovato problemi di esposizione alle radiazioni. Gli esperti della salute infatti dicono che, particolarmente nei bambini, la ghiandola tiroidea può assorbire radiazioni

Nel mentre, le autorità continuano a monitorare i lievlli di radiaizone nelle acque intorno al Giappone.

(…) le informazioni dal ministero giapponese della scienza e tecnologia indicano  la presenza di iodio radioattivo nell’acqua deleel tubature di 12 prefetture, escluse Fukushima e Miyagi, dive le misure on sono state fatte a causa dei danni  del terremoto dell’11 marzo e successivo tsunami.

il resto … alla fonte: http://edition.cnn.com/2011/WORLD/asiapcf/03/26/japan.nuclear.disaster/?hpt=T2
traduzione Cristina Bassi

SI VEDA ANCHE SUL TEMA:
http://cafedehumanite.blogspot.com/search?q=giappone

Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.