Stampa / Print
japan-vaccine-490x275Spiace sempre dover riportare notizie come queste… dispiace veramente ancor di più se il proprio figlio ha rischiato di subìre la medesima sorte.

Il Giappone ha temporaneamente fermato l’utilizzo di vaccini delle case farmaceutiche Pfizer Inc. e Sanofi-Aventis, per indagare sulla morte di 4 bambini sottoposti alla profilassi contro la polmonite e alcuni tipi di meningite. Un funzionario del ministero della Salute ha riferito che il governo incontrerà degli esperti in materia. I decessi hanno colpito bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 2 anni poco dopo l’iniezione del vaccino. E’ dunque subito intervenuto il ministero competente per far luce su queste strane morti. Il rappresentante del governo nipponico si augura, nella riunione in programma con alcuni esperti, di capire cosa sia successo alle piccole vittime dei vaccini. Uno dei due vaccini è il PREVENAR 13-valente [prodotto dalla Pzifer] che già a novembre 2009 aveva procurato morte in Olanda; molto propagandato da noi in Italia, a volte somministrato in contemporanea con altri vaccini nella stessa seduta, introduce un concetto molto pericoloso se si ragiona sul fatto che viene inoculato in bambini molto piccoli: il concetto di “potente“. Quanto è potente invece il sistema immunitario in evoluzione di un bambino di pochi mesi?…. A quanto pare nessuno se ne preoccupa e accadono queste tragedie…. questi veri e propri sacrifici umani. L’altro vaccino invece è l’ActHIB prodotto dalla Sanofi Aventis che in realtà è utilizzato come anti Haemophilus Influenzae Gruppo B e non come anti-meningococcico.

Qui in Italia il vaccino anti-HIB è inserito nel vaccino esavalente INFANRIX HEXA che viene somministrato come “obbligatorio” nel primo anno di vita a tutti i nuovi nati benchè le normative Ministeriali riportino come “obbligatori” solo 4 vaccini anzichè 6 e l’anti-HIB figura tra quelli “raccomandati”.

Fonte

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.