Stampa / Print
Giovedì visito il Florshow organizzato da PadovaFiere spa presso “l’area di commercializzazione agroalimentare di Veronamercato”; seconda giornata delle tre previste, metà pomeriggio: un centinaio gli espositori, molti meno – in quel momento – i visitatori; ma forse non è l’ora più adatta per gli affari; di certo gli sguardi sembrano distanti, chissà se più per la stanchezza o più per quello stato di sospensione che prende gli standisti quando rimangono in attesa per troppo tempo.
Non è dopo una visita di un paio d’ore che si può giudicare in quale misura l’obiettivo degli organizzatori sarà raggiunto: “Proporre un nuovo modello di manifestazione, che metta al centro la possibilità di stringere relazioni commerciali e chiudere contratti”. (La differenza con i propositi delle altre fiere non appare così evidente, ma tant’è). Comunque ridurre lo spazio dell’esposizione – e i costi – presentando stand di misura minima sembra una scelta vantaggiosa per i partecipanti come per i visitatori: i prodotti esposti sono necessariamente quelli più rappresentativi, ci si identifica con facilità, la lettura è rapida.
Invece la fisionomia della fiera non appare ancora definita; il numero relativamente limitato degli espositori rispetto all’eterogeneità dei settori fa sì che alcuni di questi siano rappresentati da una-due ditte soltanto, tanto da sembrare estranei alla fiera stessa e con scarsa o nessuna possibilità di confronto. Invero si tratta solo della prima edizione del Florshow e anche simili eventi devono dimostrare la propria efficienza prima di trovare un assetto equilibrato con l’arrivo di un numero di espositori adeguato per ogni settore. I vivaisti e i rivenditori sono in maggioranza, ma ancora si incontrano ditte molto specializzate: in trasporti dedicati, in programmazione di software rivolti alla gestione dei vivai, in meccanizzazione dei trapianti, in impianti d’irrigazione…
La fiera è riservata agli operatori del settore, espressione che in questo caso si riferisce a chi coltiva e commercia piante a un livello industriale più che artigianale. Non espongono qui i vivaisti che invece frequentano le varie mostre mercato per appassionati che, scaldandosi l’aria, divengono sempre più fitte sul calendario. Quelli del Florshow non sono prodotti da bottega, dal-produttore-al-consumatore, ma da supermercato, il Garden Center.
Le piante che qui si espongono devono rispettare le regole della grande distribuzione; ogni pianale se non ogni carrello, che è l’unità di vendita, deve contenere esemplari tutti della medesima altezza, della medesima larghezza, del medesimo grado di fioritura. L’uniformità è indispensabile per la comparazione dei prezzi, all’ingrosso quanto al dettaglio. Inoltre l’aspetto della pianta al momento della vendita è decisivo per il successo della medesima: il packaging cura la confezione, la trasportabilità, le proporzioni tra pianta e vaso… L’acquirente non sceglierà quella pianta perché ne è innamorato, perché la sta cercando da anni su tutti i cataloghi, perché è l’unica che gli manca e la comprerebbe anche fosse di quattro sole foglie e con una promessa di fioritura lontana un paio d’anni. La sceglierà solo se è impeccabile e pronta da consumare (quanto può essere difficile nei Garden Center vendere bulbi che fioriranno dopo una stagione!).
Piante-oggetto – non piante-essere-vivente, piante-rarità, piante-frammento-di-storia. Tuttavia il loro acquisto segnala bisogni che credo siano in sostanza molto simili a quelli che muovono gli appassionati più esperti; ciò che cambia è il modo in cui questi bisogni sono espressi e vissuti. L’Ambrogio del Garden Center risponde non tanto alla “voglia di qualcosa di buono” quanto invece a un desiderio più viscerale. Anche se la pianta-snack non saprà soddisfarlo pienamente, possiede tuttavia le qualità di un prodotto accessibile: si trova facilmente, non richiede cure specifiche, se muore può essere sostituita con un’altra identica; non richiede studio o ricerca, mentre è in grado di rendere più accettabile, più familiare o meno ostile il luogo in cui si vive o lavora – non quello dei giorni festivi: l’altro.
“Un chirurgo seppellisce i propri errori; un architetto ci pianta qualche albero davanti”. Siccome di solito manca pure lo spazio per gli alberi, gli abitanti degli errori si arrangiano come possono affidandosi alle “piante da interno” – resistenti, coloratissime, mai profumate (il profumo si espande oltre il confine della scrivania e potrebbe turbare nasi altrui) – sono come le cartoline da luoghi lontani, i salvaschermo con spiagge e palme. E un poco anche marcatori di territorio.
(Precisazione – doverosa se non voglio rischiare di perdere clienti: non credo che gli architetti siano la causa di un malessere curato sintomaticamente dalla pianta-pasticca; piuttosto anch’essi sono presi, con il vivaista, il progettista di giardini e molti altri, nella rete viziosa della mala gestione del paesaggio).
Gli stand mostravano poche novità riguardo alle “piante per ogni occasione”, quelle che si acquistano per gli allestimenti, i matrimoni, le visite, le feste di vario genere (mamma, innamorati, fine d’anno…), mentre, se consideriamo l’insieme degli espositori come rappresentativo del mercato florovivaistico italiano, sono da registrare incrementi di qualità e varietà tra le piante da frutto – dalle fragole ai ribes agli alberi medi e grandi – e tra le piante tappezzanti, sia per sottobosco sia per giardini pensili. Credo siano indicativi di tendenze omologhe alla “riappropriazione di spazi vitali”, in parte fortificate dalle mode giardinistico-paesaggistiche (sì, ci sono pure queste) d’oggi, ma che varrà la pena approfondire presto.
Domanda: vivaista e acquirente, chi si adegua a chi? O entrambi sono sudditi di misteriose “regole di mercato”? Tra chi produce per la grande distribuzione è facile riscontrare una forte refrattarietà per i nomi delle piante: genere, specie, varietà sono mal scritti, storpiati, abbreviati, dimenticati… Un produttore mi racconta che in vivaio coltiva numerose varietà di mirtillo, ma che per la vendita si limita a distinguere tra precoce, medio e tardivo – tanto al cliente il nome esatto non interessa, solo quanti frutti potrà mangiare e quando… Forse non spetta ai vivaisti educare i propri clienti, tuttavia un po’ di attenzione in più credo gioverebbe a tutti. Quel che spiace è il continuo adeguamento verso il basso.
Un’ultima nota su tutto: la qualità è sempre molto alta, si tratti di coltivare Spathiphyllum come Cheiridopsis namaquensis. Il che ci dà consolazione e qualche speranza.

Fonte

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.