Stampa / Print
Raloxifene e cancro al seno. Vi è stato un grande interesse nella stampa recentemente se l’osteoporosi farmaco Raloxifene può avere un impatto sul risultato per i malati di cancro al seno. Ma che cosa sono le prove? Questo farmaco riduce il rischio di carcinoma mammario invasivo?

La stampa recenti rapporti tutti collegati a un sottogruppo di pazienti estratti da un altro progetto di ricerca. Tale studio è stato progettato per guardare la malattia di cuore – non il cancro al seno – ma i dati sono stati nuovamente analizzati ed estrapolati per guardare il cancro al seno in alcune delle donne che hanno assunto questo farmaco. Lo studio sembra dimostrare che il farmaco riduce il rischio di cancro invasivo della mammella recettore per gli estrogeni positivi in queste donne, indipendentemente da eventuali fattori di rischio sottostanti

Questo è stato un ampio studio e si esegue il backup di altre relazioni che sembrano inoltre dimostrare un beneficio in termini di raloxifene di cancro al seno nelle donne dopo la menopausa. Quest’ultimo punto può essere importante qui – dopo la menopausa.

Ma c’è un posto per il farmaco nella prevenzione di nuovi casi di cancro al seno? Questa risposta è ancora sfuggente quindi non so se deve essere somministrato a donne sane come un modo per ridurre il rischio di cancro al seno.

esperti di cancro sono incoraggiati dai risultati, ma avvertono che questo studio è stato condotto in un gruppo particolare di donne in postmenopausa con malattia cardiaca e che quindi i risultati non possono necessariamente essere applicabile ad altre donne – e di ulteriori ricerche saranno necessarie per confermare i risultati. Alcuni commentatori hanno anche sollevato preoccupazioni che questo studio è stato concepito principalmente per studiare gli effetti del Raloxifene nel ridurre il rischio di malattie cardiache – che non ha fatto. Essi temono che il numero delle donne nel processo potrebbero non essere stati abbastanza grandi per valutare correttamente i rischi di cancro al seno.

Inoltre – prima di arrivare troppo entusiasta di questo nuovo dato dobbiamo ricordare che un vantaggio di prendere questo farmaco per ridurre il rischio di carcinoma mammario deve essere bilanciato con il rischio del trattamento – in particolare il farmaco è noto per aumentare il rischio di trombosi e una maggiore rischio di ictus fatale è stato riportato nello studio.

Infine – qualsiasi vantaggio di prendere in donne che hanno già recettore per gli estrogeni positivi carcinoma invasivo della mammella non è stata studiata da questo studio. Abbiamo davvero bisogno di tenere il fuoco ancora per un po prima di poter trarre delle conclusioni reali.



Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.