Stampa / Print

 

Come abbiamo più volte sottolineato il doppio decennio perduto giapponese e la realtà empirica insegna che dopo un'orgia del debito sono inevitabili dai sei agli otto anni di dinamica contraria, ovvero un rientro consapevole o obbligato dal debito. Dopo la debitomania, interviene la debitofobia, nonostante i patetici tentativi della banca centrale americana di reveleraggiare l'economia.

Secondo Cullen Roche, la Fed di New York ci propone le prove che i consumatori americani non sono semplicemente costretti a pagare i loro debiti, ma scelgono consapevolmente di farlo.

Questo avvalora la nostra tesi che non è solo un problema di portare l'acqua alla fonte, al cavallo, ma il cavallo non ne vuol proprio sapere di continuare a bere acqua avvelenata.

Il ritmo della riduzione del debito è tale che non si è mai visto negli ultimi dieci anni.
 

“So, US consumers have been deleveraging.  Holding aside defaults, they have indeed been reducing their debts at a pace not seen over the last ten years.. A remaining issue is whether this deleveraging is a result of borrowers being forced to pay down debt as credit standards tightened, or a more voluntary change in saving behavior. There is evidence on both sides of this question.

I consumatori americani hanno riconosciuto di avere un problema insostenibile, basta pensare ai milioni di famiglie con un mutuo residuo superiore talvolta del 40 % del valore della propria abitazione! 

Per chi crede ancora alle favole qui sotto avete una realtà empirica che dimostra come siano mediamente necessari dai sei agli otto anni per completare la dinamica di rientro dal debito e questa è la madre di tutte le crisi, sottoscrivo un intero decennio di riflessione.

 

Gli Stati stanno prendendo il testimone degli stoici consumatori globali, levereggiando il proprio debito, ma la dinamica ha un limite che a breve si rivelerà in tutte le sue dimensioni.
Pubblicato da icebergfinanza | Commenti (1)

Cita il post nel tuo blog     Segnala il post     Aggiungi su del.icio.us     Aggiungi su digg.com     Aggiungi su Google     Aggiungi su Yahoo     Aggiungi su Technorati     Aggiungi su Badzu     Aggiungi su Facebook     Aggiungi su OKNOtizie     Aggiungi su Twitter     Aggiungi su Windows Live     Aggiungi su MySpace     Aggiungi su FriendFeed
Fonte

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.