Stampa / Print
Ranuncoli appartengono alla famiglia delle Ranuncolacee, sono piante erbacee, terrestri o palustri che, a secondo delle specie, sono di origine asiatico oppure spontanee in Italia;
esistono ca 400 specie e in Italia ca 80 spontanee.

Il colore più diffuso spontaneamente è il giallo ma esistono vari inbridi creati dai coltivatori che variano di colore , dal bianco al rosso a vari altri colori.

Sono fiori a tubero,vanno piantati in settembre ottobre e fioriranno da febbraio a giugno.
Amano il sole ma non tutto il giorno, Fare attenzione alle foglie e ai fiori perchè se ingeriti freschi sono altamente tossici.Devono avere il terreno sempre umido e non amano il caldo bensì le temperature sui 15 gradi.

Il nome del genere, usato già da Plinio deriva dal latino infatti significa rana in quanto queste piante prediligono i luoghi umidi e paludosi, che sono l’habitat naturale degli anfibi.
Hanno come molte piante importanti proprietà medicinali: ad esempio si utilizzano per uso esterno le foglie di Ranuncolo bulboso o Ranuncolo selvatico e Ranuncolo dei fossi, pestate e ridotte in poltiglia si applicano come rubefacenti e revulsive .

E’ conosciuto anche come “botton d’oro” perché i suoi fiori sono gialli. La tradizione vuole che siano portati, durante la Settimana Santa, sugli altari dedicati alla Madonna. Infatti una leggenda narra che i ranuncoli furono creati da Gesù che, per rendere omaggio a sua Madre, trasformò le stelle in fiori. Il Ranuncolo è simbolo di bellezza malinconica.



Fonte

About the author

Related Post

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.