Stampa / Print

Gli ultimi dati sul PMI Servizi di Febbraio confermano il RALLENTAMENTO della Cina

Come al solito ci sono due rilevazioni:
Quella statale abbastanza neutra…(ricordo che 50 indica la parità)

the official China Federation of Logistics and Purchasing PMI eased to 52.2 from 52.9 in January, pointing to a slowdown.

e quella privata redatta da HSBC&soci che indica UNA FORTE FRENATA

The HSBC/Markit PMI for February 2011 slipped to a seven-month low of 51.7 (dai 54,6 di Gennaio…)

Anche il PMI manifatturiero aveva sancito il Rallentamento della Cina come vi raccontai in A proposito del rallentamento made in China (3° puntata)
….In Febbraio l’Indice Manifatturiero Cinese redatto da HSBC ha frenato di brutto, ai minimi da 7 mesi.

Cina, stima flash Hsbc: Pmi manifattura febbraio rallenta a 51,5
lunedì, 21 febbraio 2011 – 8:29
Depresso dalla prospettiva di nuove strette sul credito e influenzato dal capodanno lunare, il settore manifatturiero cinese mostra a febbraio un deciso rallentamento nel tasso di espansione al minimo degli ultimi sette mesi.
Lo dice la stima ‘flash’ a cura di Hsbc, indicando per il mese in corso un indice generale a 51,5 rispetto al 54,7 finale di gennaio…………

Vi anticipai questa frenata cinese, iniziata presumibilmente a fine 2010, grazie all’analisi dei dati sul consumo di energia elettrica.
vedi Il dato sul PIL Cinese serve solo “a titolo di consultazione…”
Secondo uno studio di Absolute Return Partners che mette in correlazione la crescita del PIL Cinese con i Consumi Elettrici, nel 4° Trimestre 2010 ci sarebbe stata una SENSIBILE FRENATA nella crescita della Cina , che naturalmente i dati ufficiali sul PIL NON rilevano….
E questo potrebbe essere solo l’inizio, anche a causa del fatto che la Cina sta “tirando tutte le possibili briglie” per frenare un’inflazione che sta diventando very hot (anch’essa ben oltre i dati ufficiali naturalmente…)

Naturalmente HSBC ed i Mercati stanno prendendo BENE questo rallentamento Cinese…esattamente come PRIMA prendevano BENE l’accelerazione.
Nei RALLIES è sempre questione di tempistiche giuste e di punta-tacco su freno-acceleratore…

“China’s service sector continued to expand modestly in February, generating faster job creation.
Slower growth of services new business will help to curb inflation while the tight labour market and rising business expectations warrant the robustness of services activities in the coming months.”

Infatti il terrore era concentrato sull’Inflazione, Pechino ha dunque tirato le briglie e l’economia cinese ha risposto in modo docile ed ubbidiente, allontanando le suddette paure.
E per i prossimi mesi gli imprenditori cinesi del settore servizi sono già tutti ottimisti (dice HSBC….).

Sostieni l’informazione indipendente e di qualità


Facile governare queste Economie vero?
Bastano le briglie ed un paio di speroni…e poi le muovi come dei docili cavallini addestrati.
Magari qua e là sbuca fuori qualche indesiderato effetto collaterale (l’importante è che si manifesti ALTROVE…)
ma sostanzialmente tutto è sempre sotto controllo…;-)
Soprattutto se stiamo a sentire i discorsi del mitico Bernanke (FED)…lo stesso che qualche anno fa ci raccontava come la Bolla Immobiliare USA NON sarebbe stata un problema…:-)
Bernanke nel “governare le economie” è addirittura meglio dei Cinesi…
Ecco le Bernanke-sparate degli ultimi 3 giorni: come al solito…viste tutte assieme fanno una certa impressione.
Molte di esse le ha pure GIURATE nell’Audizione davanti alla Commissione Bancaria del Senato: si narra che alcuni Senatori siano saltati un po’ sulle loro sedie…sai com’è…:-)

  1. Usa: Bernanke, se inflazione aumenterà si studieranno contromisure (N.d.R Restringimento Quantitativo?)
  2. Usa: Bernanke Non Esclude Terzo Allentamento Quantitativo (N.D.R ma non aveva appena detto poco sopra…mah?!…)
  3. Bernanke Is Santa Claus (Babbo Natale) And We’re All Celebrating Denial (N.d.R Negazionismo)
  4. Bernanke: Rising Oil Prices Don’t Threaten U.S. Economy (N.d.R Anche a 200$?…)
  5. Bernanke: Commodity Price Increases Not a Concern (N.d.R nessuna preoccupazione vero?…VEDI GRAFICO SOTTO RIPORTATO…)
  6. Bernanke: banche centrali necessitano indipendenza (N.d.R…ci mancherebbe….)
  7. Bernanke: aumento inflazione sarà modesto e temporaneo dopo fiammata petrolio (N.d.R Yessssss…! Semprechè in Libia, Algeria, Arabia Saudita, Bahrain, Yemen, Oman, Iran, Iraq, Egitto etc etc TUTTO VADA LISCIO….)
  8. Bernanke: rally commodities non avra’ grande impatto su inflazione Usa (N.d.R magari ALTROVE qualche impattuccio ce lo sta avendo…)

Bene, verifichiamo tra 12 mesi questi 8 Comandamenti di Bernanke e poi ne riparliamo con calma.
In effetti molto dipenderà DA QUALE PUNTO DI VISTA CI PORREMO…
O se avremo la forza di farci certe domande su BOLLE&AFFINI

QUESTION OF THE DAY….

At what point does the Fed recognize that there is a bubble growing in the commodity markets and realize that they have now helped contribute to the third bubble in less than 15 years?
Not that they can or will do anything about it, but hopefully this impending bubble implosion will make investors realize that this tinkering by the Fed is not making a positive contribution to the US economy….


Fonte

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.