Stampa / Print

La formula è abbastanza semplice: l’energia in / out di energia. Questo è il nutrizionisti termine utilizzato per descrivere il necessario equilibrio tra calorie ingerite e calorie bruciate. Se il livello di attività fisica non è grande abbastanza per bruciare la quantità di calorie assunte in, aumenta di peso. Se questo squilibrio continua, il sovrappeso e l’obesità forse risultato.

Data la nostra passione per il fast food (una passione sempre crescente, a causa della vita sempre più frequentate) e la nostra tendenza a “Supersize”, è facile immaginare che l’apporto calorico è il nocciolo del problema dell’obesità. E certamente è parte del problema, soprattutto considerando la qualità delle calorie consumate. (! Recentemente dimostrato che i bambini avere un quarto di loro porzioni di verdure in forma di patatine fritte e patatine fritte) ma il problema maggiore è con la seconda metà dell’equazione: out energetico.

Studi sia qui che all’estero hanno indicato questo è vero. Studio Framingham The Children, per esempio, ha trovato che i bambini in età prescolare con bassi livelli di attività fisica acquisita significativamente più per via sottocutanea (sotto la pelle) ha fatto più grassi rispetto attiva dei bambini. In un altro studio si è stabilito che bambini in età prescolare inattivi sono stati 3,8 volte più probabilità di bambini in età prescolare attive sono aumentate plica tricipitale spessore (la migliore misura di obesità nei bambini) nel follow-up delle valutazioni. E ‘stato anche scoperto che i bambini che guardano più di cinque ore di televisione al giorno sono quasi cinque volte più probabilità di essere in sovrappeso rispetto ai bambini che guardano due ore o meno – con TV eccessiva visione ritenuti tali da contribuire al 60 per cento del rischio di obesità in i bambini.

In particolare, nel Regno Unito, mentre la percentuale di bambini sovrappeso o obesi è rimasta la stessa tra il 1974 e il 1984, c’è stato un marcato aumento nel decennio successivo. La ricerca, riportata sul British Medical Journal, ha determinato il cambiamento è stato dovuto non ad un aumento di energia (calorie), ma piuttosto ad una riduzione della produzione di energia.

Studi negli Stati Uniti hanno fatto la stessa determinazione. Un aumento dell’obesità infantile del 20 per cento negli ultimi dieci anni (almeno uno su cinque bambini americani è attualmente in sovrappeso) è avvenuto nonostante un calo nel totale dei consumi di grassi e pochi cambiamenti in apporto calorico.

Secondo gli autori di un articolo di ricerca pubblicato sulla rivista della American College of Sports Medicine, c’è una osservazione costante che si distingue tra gli studi del dispendio energetico nei bambini piccoli. Che l’osservazione sfortuna è che i bambini sotto i sette anni sembrano consumare energia circa 20 a 30 percento in meno attività fisica rispetto al livello raccomandato dalla World Health Organization.

Sedentaria dei bambini? Bambini obesi? Unfit bambini? Sono tutti un fatto di vita nella società di oggi. La triste ironia è che nella società di oggi siamo più «attiva» che mai – in termini di “frenesia”, cioè. Forse dovremmo ottenere occupato diventare più attivi in ​​senso fisico. L’energia è la chiave per mantenere un peso appropriato durante l’infanzia. Come tale, l’esercizio fisico (per lo più sotto forma di gioco attivo) dovrebbe essere una parte naturale della vita quotidiana del bambino – una abitudine comune come spazzolare i denti.


Fonte

Tag

About the author

Related Post

Archivi

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità, esclusivamente sulla base della disponibilità di materiale sugli argomenti trattati. Pertanto, non può considerarsi prodotto editoriale sottoposto alla disciplina di cui all'art. 1, comma III della Legge n. 62 del 7.03.2001 e leggi successive.